aggiornato il 30/03/2012 alle 13:53 da

Rifiuti, la Lombardi: ci riprendiamo i cassonetti. Il sindaco: sono i nostri. Lunedi tocca all’Aimeri

MONOPOLI – rifiutiScongiurato in extremis il rischio emergenza rifiuti. Il rischio derivava da una nota protocollata in data 29 marzo 2012 al Comune di Monopoli dall’amministratore unico della Lombardi Ecologia dott. Lombardi nella quale l’azienda, in virtù della scadenza al 31 marzo

2012 del contratto d’appalto del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, ha avvertiva la civica amministrazione della “cessazione del servizio prevista per la mezzanotte del 31 marzo 2012” nonché del “ritiro di tutti i mezzi ed attrezzature di proprietà”. Il Comune di Monopoli, in risposta, ha emesso un’ordinanza sindacale con la quale, a decorrere dalla mezzanotte del giorno domenicale del 1° aprile 2012 ( in coincidenza dell’avvio del nuovo servizio a cura della Aimeri Ambiente s.r.l.) e per i successivi 90 giorni, viene indicato alla Lombardi Ecologia di “non rimuovere dalla sede stradale i cassonetti stradali e cestini porta-rifiuti di qualsiasi capacità e tipo già collocati e presenti ad oggi sulle aree pubbliche” per “ragioni connesse alla salvaguardia dell’igiene pubblica e volte a prevenire l’insorgenza di emergenze sanitarie o di gravi pericoli che possano minacciare l’incolumità pubblica”. Un provvedimento d’urgenza, in quanto il Comune di Monopoli non ha ancora portato ad opportuna definizione la stipula del contratto con la Aimeri Ambiente srl, aggiudicataria dell’appalto per il nuovo servizio che sarebbe dovuto andare a regime proprio dal 1 aprile c.a. Sull’argomento interviene il sindaco Romani: “Non ci sarà alcuna emergenza perchè proprio oggi abbiamo predisposto tutti gli atti per l’anticipazione, sotto riserva di legge, del servizio della Aimeri. Inoltre, anche in seguito alla comunicazione della Lombardi, che annunciava la rimozione di mezzi e cassonetti, di concerto con il maggiore Palumbo abbiamo ritenuto di dover emanare una ordinanza che di fatto vieta la rimozione dei cassonetti da parte di qualsiasi altra ditta non foss’altro perchè questi sono di proprietà del Comune.

Ovviamente l’ordinanza è motivata anche da ragioni connesse alla salvaguardia dell’igiene pubblica la cui violazione comporta delle conseguenze anche sul piano penale”. La Aimeri, dunque, inizierà il servizio il primo aprile in attesa della sottoscrizione del contratto che avverrà a giorni. Il Comune ha dovuto anticipare i tempi onde evitare l’emergenza.

© Riproduzione riservata 30 Marzo 2012