aggiornato il 02/07/2012 alle 15:40 da

La scuola G. Modugno si sbriciola: presto l’inagibilità, rischia la demolizione

MONOPOLI – DSC_1736Rischia la demolizione la scuola elementare G. Modugno. Se le ulteriori analisi che si compiranno sull’edificio ne dimostreranno la pericolosità statica è questa la fine che la struttura potrebbe fare. Ma procediamo con calma. Il campanello di allarme è stato lanciato dal consigliere del Pd Tamborrino durante l’ultimo consiglio. Rivoltosi all’assessore ai lavori pubblici Pasqualone, ha chiesto di porre attenzione alla sicurezza degli edifici scolastici e ha anche chiesto se era stato fatto tutto per accertarsi di questo, destinando eventualmente risorse per la risoluzione dei problemi. Pasqualone in aula ha spiegato per sommi capi come sta la situazione, ma in esclusiva a Fax entra nel dettaglio. In pratica l’amministrazione ha affidato tempo fa allo Studio Vitone di Bari una valutazione sulla vulnerabilità statica di cinque edifici scolastici di proprietà del Comune. Si tratta della scuola elementare G. Modugno appunto, della materna di via Europa Libera, della scuola elementare Carolina Bregante, dell’asilo di via Gobetti e della scuola media Galilei.

“E’ stata fatta inizialmente – spiega l’assessore Pasqualone – un’indagine di primo livello, per circa 20mila euro, che consisteva nel fare un’analisi geometrica delle scuole con una valutazione dei progetti esistenti, considerando l’anno di fabbrica di questi edifici tutti riconducibili agli anni 70 – 80 e si sono verificati i carichi verticali, valutando se queste strutture riescono a sopportare i solai”. Ma non è tutto. Successivamente con un altro incarico in estensione di 80mila euro si è passati ad un’indagine di secondo livello, “un’ analisi di vulnerabilità statica – spiega Pasqualone -. Si è fatto in pratica un controllo della qualità del calcestruzzo in due modi, sia utilizzando gli ultrasuoni, sia con indagini di laboratorio facendo prima dei microprelievi di calcestruzzo su queste scuole”. Lo studio, allo stato attuale, non è stato ancora depositato “ma posso preannunciare – continua l’assessore – che la scuola elementare G. Modugno, che in apparenza sembra perfetta, nell’ala a sud ha dimostrato una qualità scadente del calcestruzzo”. Visto l’esito preoccupante dell’indagine, il dirigente dei Lavori Pubblici Colacicco ha chiesto ora ai tecnici dello studio barese di procedere facendo un’analisi che interessi tutto l’edificio, prelevando dunque il calcestruzzo in più punti. “In ogni caso – dichiara Pasqualone – l’ala sud dovrebbe essere interdetta alle attività didattiche, perché ha presentato grossi problemi di natura strutturale. Andando per deduzione, è possibile che anche il resto dell’edificio si presenti nelle stesse condizioni. Visto che la sicurezza degli alunni è la cosa più importante da prendere in considerazione, penso che sarà molto difficile che gli studenti possano tornare a settembre in quelle aule”.

© Riproduzione riservata 02 Luglio 2012

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento