aggiornato il 09/07/2013 alle 14:28 da

Mare inquinato nei pressi del depuratore di Monopoli. La denuncia di Goletta Verde

MONOPOLI – “Fortemente inquinato”, ossia con enterococchi intestinali maggiori di 400 UFC/100 ml e/o escherichia coli maggiori di 1000 UFC/100 ml. Sono pessimi i risultati dei campionamenti eseguiti dai biologi di Goletta Verde alla foce dello scarico del depuratore comunale di Monopoli, in contrada Torre d’Orta (litorale nord), ed alla foce dello scarico del Molo dei Pescatori, a Bari. I risultati del monitoraggio in Puglia di Goletta Verde sono stati presentati oggi ed il quadro non è per nulla rassicurante.
Oltre la metà dei campionamenti eseguiti in Puglia è risultata “fuorilegge”. In ben 17 casi (corrispondenti per lo più alle foci di fiumi e ai canali), rispetto ai 30 punti monitorati lungo gli 865 chilometri di costa, è stata evidenziata una carica batterica al di sopra dei valori consentiti dalla legge e per quattordici di questi punti il giudizio è “fortemente inquinato”. Acque inquinate da scarichi non depurati adeguatamente con presenze di escherichia coli e enterococchi intestinali che contribuiscono non solo ad inquinare i fiumi e il mare, ma che mettono in pericolo la stessa salute dei cittadini. Sotto accusa ancora una volta le foci dei fiumi e dei canali, ma anche gli scarichi degli stessi impianti destinati alla depurazione dei reflui urbani, che dimostrano ancora una volta le criticità che toccano il sistema depurativo pugliese. Legambiente lancia dunque un appello a Regione e amministratori locali affinché si intervenga per risolvere con urgenza la questione della mala depurazione.

depuratore2mappa

© Riproduzione riservata 09 Luglio 2013