aggiornato il 19/09/2013 alle 12:43 da

Rubano la valigetta al sub, salta il record mondiale

20130825 1342041Monopoli batte un record ma -ahinoi-d’inciviltà. Ufficialmente sono state le avverse condizioni meteo-marine ad obbligare a spostare, a data da definire, il tentativo di Stefano Di Cagno di stabilire il record mondiale di immersione con autorespiratore. Il sub barese, amico fraterno di Paolo Nespoli, il primo astronauta italiano a volare due volte nello spazio, aveva scelto il mare di Monopoli per superare il primato detenuto da un vigile del fuoco genovese (212 metri sott’acqua) e  spingersi fino a 230 metri di profondità. L’impresa, promossa dall’Asd Deep Diving Recording Organization e dall’Anapi Puglia in collaborazione con Coni, Eps-Csen, Comune di Monopoli e Asl, era stata pianificata in tutto e per tutto ma quello che non si era potuto prevedere è che, a poche ore dalla performance, qualche balordo si potesse appropriare indebitamente della valigetta nella quale era contenuta l’attrezzatura del record-man. In pratica, un autorespiratore con computer annesso, regolato e tarato secondo i parametri specifici del suo utilizzatore. Un prototipo perfezionato ad hoc in virtù dell’impresa, poggiato dinnanzi alla sede dell’Anapi Puglia e che si è letteralmente polverizzato nel nulla mentre il team, tra questi il consulente Nasa dott. Dudley Crosson, osservava una pausa caffè prima di riprendere l’allenamento al largo di Monopoli. Al furto, purtroppo, non si è potuto far altro che far seguire una denuncia presso la locale Stazione dei Carabinieri ma di fatto quest’atto increscioso ha mandato all’aria un’iniziativa che avrebbe portato Monopoli e la Puglia agli onori della cronaca mondiale: “Spero venga ritrovato, anche gettato da qualche parte -ha dichiarato Spinosa, promotore tra gli altri dell’iniziativa. “Non tanto per il suo valore economico, ma quanto perché è una strumentazione unica che neanche un sub esperto potrebbe usare. Purtroppo siamo stati costretti a rimandare l’evento quando oggi (cfr. giovedì) il mare permetteva di tentare il record”.

© Riproduzione riservata 19 Settembre 2013