aggiornato il 19/07/2013 alle 13:28 da

Sergio Rubini a Villa Carenza

MONOPOLI – Sabato 27 Luglio nella meravigliosa cornice naturale di Villa Carenza, Ueffilo in tournèe e Villa Carenza Night presentano “La Guerra dei cafoni” con Sergio Rubini (voce) e Michele Fazio (pianoforte).

Tratto dalla omonima opera letteraria di Carlo D’Amicis è uno spettacolo intenso e coinvolgente in cui musica, teatro e poesia si incontrano in un viaggio che Sergio Rubini fa attraverso le pagine del libro (edito dalla Minimum Fax e candidato al Premio Strega 2008). Un libro che diventa teatro. Un libro che sale sul palco e spopola.

L’opera, ambientata nel 1975, racconta la guerra che oppone i ragazzi benestanti di un villaggio della costa salentina e i loro conterranei figli di pescatori, pastori e contadini, detti “cafoni”. A dichiarare e alimentare questo conflitto è il quattordicenne capo dei “signori”, Angelo, soprannominato Francisco Marinho rapinoso calciatore brasiliano dell’epoca, altrimenti detto il Maligno. Ossessionato dall’odio per i cafoni, Francesco Marinho combatte in nome dell’ordine sociale, della divisione di classe, della continuità storica. Ma quando, per un tragicomico equivoco, nella sua visione del mondo subentra una punta di compassione, o forse di affetto, o forse di amore verso una giovane cafona, la separazione tra il bene e il male comincia a offuscarsi. Intorno a lui, i sintomi di una stagione nuova: dove il prestigio o la disgrazia dell’essere cede il passo all’arroganza dell’avere.
La guerra dei cafoni non sarà più scontro tra ragni che ribadiscono la propria natura, ma lotta di conquista, arrampicamento, disordine collettivo e interiore.

Metafora, attraverso un microcosmo di ragazzini indemoniati del cambiamento collettivo che in quegli anni trasfigurò il nostro paese, il libro di Carlo D’amicis è poema cavalleresco e satira sociale, romanzo di formazione “edivertissement pulp”, tragedia dell’antica borghesia e commedia dell’Italia moderna.
Come lo stesso Rubini ha dichiarato  “Noi siamo in un momento storico in cui bisogna tornare ad osservare gli anni Settanta quando non avevano ancora incontrato i rovinosi anni Ottanta. Erano anni di passioni, in cui si dava molta importanza ai giovani e da loro ci si aspettavano i cambiamenti. Quindi, ricominciamo dagli anni Settanta, questo spettacolo è una maniera per ricordarli”.

Una produzione di Angelo Calculli. Con la straordinaria interpretazione di Sergio Rubini e Michele Fazio al pianoforte.
Start ore 21.30 – Villa Carenza contrada Due Torri, 184 – Monopoli (Ba).

Sergio RubiniSERGIORUBINI

© Riproduzione riservata 19 Luglio 2013

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento