aggiornato il 19/03/2013 alle 9:37 da

Largo stazione, no all’intitolazione a Di Crollalanza

largo_stazioneMONOPOLI – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa firmato da Sel, Rifondazione Comunista e Cgil in merito alla intitolazione di Largo Stazione ad Araldo Di Crollalanza.

 Le forze democratiche del centrosinistra di Monopoli Sinistra Ecologia Libertà, Rifondazione Comunista insieme alla CGIL camera del lavoro e CGIL SPI esprimono un NO chiaro e assoluto all’intitolazione di Largo Stazione al gerarca fascista Araldo Di Crollalanza.

Costui è stato il capo del fascismo in questa regione e fino all’ultimo a fianco di Mussolini nella Repubblica Sociale. Fascista mai pentito, guidò gli squadristi provenienti dalla Puglia alla Marcia su Roma, l’atto che diede inizio alla dittatura mussoliniana. E’ inaccettabile che Monopoli abbia una piazza e una targa che commemorano un personaggio che ha contribuito a cancellare la democrazia per venti anni e che, anche di fronte al tremendo fallimento del Regime, rimase fedele al Duce e agli occupanti Tedeschi invece che difendere la Patria.

Non è ammissibile intitolare una piazza importante di Monopoli ad una persona che ha negato i più elementari diritti democratici ed umani.

Questo atto dell’Amministrazione di destra della Città serve soltanto ad allontanare dalla mente dei cittadini i problemi reali in cui versa Monopoli che la Giunta Romani non è stata in grado di affrontare. Per questo motivo l’Amministrazione si affida ai simboli peggiori, pur di nascondere la propria incapacità.

Le forze democratiche di Monopoli chiedono l’immediata sospensione dell’inaugurazione di Piazza Crollalanza prevista per mercoledì 20 e invitano la Giunta e il Sindaco ad occuparsi dei problemi concreti della Città.

Inaugurare targhe ai gerarchi fascisti, che tanto piacciono al Sindaco, visti i suoi trascorsi politici, non risolverà neppure uno di questi.

© Riproduzione riservata 19 Marzo 2013