aggiornato il 17/09/2014 alle 10:14 da

Pugliese in biancoverde? ‘Nessun contatto ma a Monopoli ho lasciato il cuore’

PuglieseMONOPOLI – Pugliese al Monopoli? Per il momento è utopia. Il mancato accordo tra il giocatore e l’Arezzo ha scatenato sul web il desiderio dei tifosi biancoverdi circa un importante. Dopo alcune stagioni da protagonista in C1 e B con la maglia dell’Hellas Verona, Gepy Pugliese al momento è svincolato dopo un altro campionato tra i cadetti con la maglia del Cittadella.
La piazza di Monopoli ha richiesto a gran voce un tuo ritorno in biancoverde. Accetteresti un cambio di categoria?
Bella domanda… Non lo so onestamente. Aspettavo qualcosa in B o Lega Pro: il Cittadella mi aveva chiesto di rinnovare ma servivo più come chioccia per i giovani. Ma a 31 anni non mi sento ancora così “vecchio” da fare questo ruolo e ho rifiutato. Adesso aspettavo qualcos’altro ma non si muove niente: c’è una crisi pazzesca. Monopoli è sempre Monopoli, la città che mi ha lanciato. Ho tanti amici lì e onestamente se dovessi decidere di scendere di categoria lo farei solo per quello. Ma ad oggi non mi ha contattato nessuno e stiamo parlando del niente. E’uscita questa cosa che sono svincolato e quindi i tifosi hanno fatto questa ipotesi, che è una dimostrazione dell’affetto nei miei confronti. Ho lasciato il cuore a Monopoli.
Sicuramente dovuto al fatto che siano saltati i trasferimenti alla Salernitana e all’Arezzo. Come mai?
A Salerno c’era un ambiente particolare. Ad Arezzo non ci siamo messi d’accordo economicamente proprio per un discorso di crisi economica. Ho preferito per il momento restare fermo e aspettare qualcosa di meglio.
A livello fisico come stai, soprattutto dopo il brutto infortunio di due anni fa?
Sto bene, l’infortunio è ormai alle spalle. L’anno scorso ho fatto tutta la stagione a Cittadella, non mi sono mai fermato e mi sono allenato tutto l’anno.
Come mai, vista la carenza di terzini sinistri, uno come te è ancora a spasso?
Me lo chiedo anche io… E le risposte possono essere tante. Potrebbe esserci la motivazione dell’infortunio, stando un anno fermo a Verona e allenandomi, non giocando la gente fa fatica a comprarti. Ci sarà di mezzo anche la crisi: la maggior parte delle squadre non è disposta a spendere per colpa della crisi.

© Riproduzione riservata 17 Settembre 2014