aggiornato il 29/10/2014 alle 13:44 da

Audace, esonerato Aresta. Perdicchia in panchina

AudaceMONOPOLI – Cambio di guardia in casa Audace Monopoli. Sette giorni fa la società gialloblù ha ufficializzato il cambio alla guida tecnica. Al posto di Bartolo Aresta succede Massimo Perdicchia, già tecnico dell’Audace due stagioni fa nonchè componente dello staff societario.
Un cambiamento ed una scossa servivano per rivitalizzare l’ambiente dopo un avvio di stagione in sordina. “Mi sono rimesso in gioco” – dichiara a Fax il nuovo tecnico, che aggiunge – “A questo punto del campionato era difficile reperire qualcuno che si prendesse l’impegno di guidare la squadra, ero già all’interno della società, per cui…”.  
L’esordio sulla panchina gialloblù, tuttavia, non è stato dei più felici nel match disputato in casa del Futsal Capurso.
“Purtroppo non buttiamo la palla dentro neanche con le mani” – commenta Perdicchia. ”Loro erano più forti, sicuramente vinceranno il campionato. Primo tempo concluso sul 3 a 1, se avessimo pareggiato o chiuso in vantaggio nessuno poteva dire niente perchè abbiamo pressato alto e ci siamo dannati l’anima. La qualità esce fuori alla distanza, siamo crollati fisicamente e loro hanno fatto altri gol. Risultato comunque bugiardo nonostante il 7 a 1, loro erano più forti fisicamente, con gente che ha giocato anni in B: sono attrezzati per salire. A noi invece mancavano vari elementi come Campanelli, Mastrangelo ed altri a mezzo servizio. Ci siamo comportati bene, a dispetto del risultato, e ce la siamo giocata sempre con tutti. E’ un campionato diverso rispetto alla C2, ma troviamo di fronte avversari con diversi giocatori di categoria superiore”.
E riguardo l’obiettivo salvezza, Perdicchia non fa drammi. “Siamo a terra a livello psicologico non vedendo risultati favorevoli. Ce la giochiamo con tutti, perdiamo partite all’ultimo secondo e ovviamente si è demoralizzati. Lunedì alla ripresa degli allenamenti ho visto i ragazzi determinati. Sono fiducioso, speriamo in qualche risultato che possa darci una mano”. La speranza è riposta al match di questo pomeriggio contro il Casamassima presso la palestra del “Polivalente”.

© Riproduzione riservata 29 Ottobre 2014