aggiornato il 21/09/2015 alle 7:02 da

Nuovo valore a Barsento, oggi la conferenza

chiesa barsentoNOCI – Con l’avvio di una nuova progettualità – articolata fra restauri/recuperi architettonici ed artistici, scavi archeologici, illuminotecnica – si avvia una nuova stagione per la valorizzazione della chiesa medievale e del sito storico e paesaggistico di Barsento. Ora ci sono i soldi per avviare i progetti ed i lavori. Li mette a disposizione il Ministero dei Beni e delle attività culturali e turistiche (MIBACT). Ne parlerà lunedì 21 settembre il sen. Piero Liuzzi, membro della 7^ commissione di Palazzo Madama, fautore del finanziamento e promotore delle azioni di ricerca, scavo, recupero. Una conferenza stampa illustrativa dei progetti, che verranno avviati sin dal prossimo autunno, è stata convocata sul piazzale del singolare monumento a cominciare dalla ore 17, con l’intervento del sindaco di Noci, Domenico Nisi, che ha anche invitato i suoi colleghi di Putignano, Castellana Grotte ed Alberobello, e gli interventi di Eugenia Vantaggiato, direttore del Segretariato per la Puglia del Mibact, Luigi La Rocca, Soprintendente archeologico della Puglia, Giovanni Sardone, dirigente del Ministero, Emilia Pellegrino, direttore del progetto di valorizzazione di Barsento, Miranda Carrieri, direttore del progetto di scavo archeologico, Nuccia Barbone, progettista del restauro delle opere mobili e degli affreschi interni alla chiesa. Inoltre, prenderà la parola Ciccio Giacovelli, con una relazione sulla storia e l’evoluzione della complessa vicenda dei piani di recupero del sito barsentino. Infine, si parlerà del l’innovativo progetto di illuminazione artistica interna ed esterna: “per il viandante – assicura il parlamentare di Noci – che proviene da est o da ovest dei poggi murgiani che circondano l’amena località, di notte, finalmente, l’antica basilica apparirà come faro, sorgente luminosa dall’indubbio fascino e per la più moderna fruizione turistica del sito”.

© Riproduzione riservata 21 Settembre 2015

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento