aggiornato il 21/01/2013 alle 14:21 da

A lezione di sicurezza con Il Gabbiano

fotoNOCI – E’ in piena attività di formazione il personale volontario dell’Associazione Il Gabbiano di Noci: sono partiti, infatti, nei giorni scorsi i corsi di “Operatore radio” e “Individuazione dei rischi” che vedono coinvolti con impegno i volontari dell’Associazione. Ai sensi del D.lgs 81/08, del Decreto Interministeriale di attuazione del 13 Aprile 2011 e dal Decreto del Capo del Dipartimento della Protezione Civile del 12 gennaio 2012 vi è, infatti, l’obbligo di formare tutti i volontari di protezione civile per far fronte alla necessità di intervento immediato, anche in assenza di preliminare pianificazione e in quanto l’organizzazione di uomini e mezzi è improntata a carattere di immediatezza operativa. I corsi prevedono una varietà di tematiche che spaziano dalla Legislazione di Protezione Civile, alla Sicurezza e Individuazione dei rischi (idrogeologico, antincendio, sanitario, ambientale, elettromagnetico, sismico); il Corso Radio (TLC) è tenuto, invece, da soggetti radioamatori di tipo A dotati di autorizzazioni del Ministero dello Sviluppo Economico. Ogni volontario, inoltre, può godere della presenza e guida di un medico del lavoro e di uno psicologo, nelle attività della micro e macro emergenze.

I percorsi hanno una durata di 180 ore divise in lezioni frontali e esercitazioni pratiche con l’allestimento di campi scuola e  sono aperti non solo ai volontari iscritti all’associazione ma anche a soggetti esterni. Per chiunque sia interessato a ricevere informazioni e avvicinarsi all’associazione il recapito telefonico è il seguente: 345.6030364. Le lezioni hanno cadenza di due giorni a settimana e si tengono il mercoledì e il venerdì dalle 19.30 alle 21.30.

“Il nostro obiettivo è quello di ottemperare alle direttive ministeriali ma sopratutto far passare l’importante messaggio che non basta la volontà per il volontariato, non ci si può improvvisare ma bisogna essere formati per assicurare un corretto espletamento delle nostre attività”, ha commentato il presidente dell’Associazione Giuliana Palazzi, “la corretta gestione delle emergenze assicura non solo un servizio concreto ma è sopratutto una garanzia per l’intera cittadina”.

© Riproduzione riservata 21 Gennaio 2013