aggiornato il 02/05/2013 alle 11:29 da

Pozzo Perrotta, la politica cerca soluzioni

NOCI – Quale futuro per pozzo Perrotta? Da quasi venti giorni infatti, la cisterna è praticamente inutilizzabile per problemi al sistema di conduzione dovuti al furto di cavi di rame. Un enorme problema per tutti quegli allevatori titolari di aziende agricole ubicate nell’agro nocese che da quel pozzo traggono sostentamento, per abbeverare gli animali e annaffiare i campi. E ora che la stagione estiva è praticamente alle porte, la situazione si fa ancora più grave. Con il caldo infatti, aumenta il fabbisogno idrico delle aziende che si vedono quindi costrette a ricorrere al trasporto di acqua da altre cisterne, con un aumento non indifferente dei costi. Il rifornimento diretto dal pozzo infatti, arriva a costare ben 70 centesimi per metro cubo di acqua, contro i 30 previsti per l’approvigionamento tramite le condutture. A questo ovviamente di deve aggiungere il costo del carburante richiesto per il trasporto, oltre naturalmente al tempo che porta via una simile operazione.
E mentre gli allevatori attendono con apprensione la situazione venga risolta, alcuni  esponenti politici, sia di destra che di sinistra, si sono fatti portavoce dei loro problemi cercando un punto di incontro con le istituzioni per individuare una possibile soluzione. A sinistra Fabrizio Notarnicola con Vito Zito, Checca Tinella e Antonia Passera hanno chiesto l’intervento dell’assessore regionale Fabrizio Nardoni.
L’assessore, che già in altre occasioni si era dimostrato sensibile alle problematiche degli allevatori del nostro territorio, si è impegnato a interpellare gli uffici competenti per inviare al più presto una squadra di tecnici che possa finalmente ripristinare il funzionamento del pozzo. Il centro-destra invece, rappresentato da Paolo Conforti, dopo aver raccolto il disagio degli allevatori, ha avviato una raccolta firme (al momento sono circa una sessantina) da presentare al commissario prefettizio Francesco Minervini, il quale si è già impegnato a trovare una soluzione in tempi brevi. Perchè, indipendentemente dalla politica, gli allevatori hanno bisogno di risposte.

raccolta_firme_pozzonardoni_incontra_gli_allevatori

© Riproduzione riservata 02 Maggio 2013