aggiornato il 14/11/2013 alle 11:28 da

Bacco, con Ecofesta la differenziata sale al 79%

bacco nelle gnostre 2013NOCI – L’edizione 2013 di Bacco nelle gnostre sarà sicuramente ricordata anche per la presenza del gruppo di Ecofesta Puglia a gestire lo smaltimento dei rifiuti: il Parco Letterario Formiche di Puglia ha, infatti, richiesto per la prima volta tale certificazione, qualificandosi come primo evento in Provincia di Bari con una forte attenzione e sensibilizzazione all’ambiente. Grazie alla presenza di 15 isole ecologiche per la raccolta differenziata presidiate da due informatori ecologici pronti a supportare il fruitore dell’evento nel corretto conferimento, si è giunti all’ottenimento del  73,99 % di raccolta. Il dato è, però, ancora approssimativo: manca infatti il quantitativo di bottiglie di vetro recuperate come vuoto a rendere e quindi riciclate e dell’indifferenziato derivante dallo spazzamento effettuato dalla ditta Avvenire. Ad essere differenziati sono stati: plastica, metalli, carta, vetro e organico con l’intenzione di arrivare ad una percentuale bassissima di indifferenziato da conferire in discarica. Per questo obiettivo è stato stipulato un accordo speciale con la dita Progeva di Laterza presso la quale è stato possibile avviare alla fase di compostaggio il rifiuto umido, ossia avanzi di cibo e stoviglie biodegradabili: gli esercenti e gli standisti presenti durante l’evento, infatti, sono stati esortati dagli organizzatori e dall’amministrazione comunale alla sostituzione delle stoviglie monouso in plastica con quelle in amido di mais e pura cellulosa. “Il primo evento in Provincia di Bari a fare richiesta della certificazione Ecofesta Puglia ha ottenuto ottimi risultati”, dichiarano Roberto Paladini, Loreta Ragone e Ilaria Calò, ideatori della certificazione Ecofesta Puglia, “grazie all’adesione al progetto La Tradizione fa Eco – modello di sostenibilità per innovare la tradizione e rivoluzionare gli eventi pugliesi e alla conseguente certificazione Ecofesta Puglia, sarà possibile compensare le emissione di Co2 attraverso la piantumazione di alberi autoctoni nel Comune di Noci. In particolare ad essere piantumati saranno 167 alberi. La cittadinanza si è dimostrata sensibile ed aperta ad intraprendere un cammino inevitabile per la salvaguardia del nostro ambiente e delle nostre tasche guardando di buon grado la presenza di isole ecologiche ed apprezzando l’impegno degli informatori ecologici di Ecofesta nel raccogliere in maniera differenziata i rifiuti anche da terra!
Possiamo considerare quello di Bacco un primo grande passo, fortemente voluto dall’amministrazione comunale e dagli organizzatori dell’evento destinato ad essere replicato quanto prima”.

© Riproduzione riservata 14 Novembre 2013

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento