aggiornato il 02/07/2014 alle 10:21 da

Una persona denunciata per lavori abusivi in area vincolata

lavori abusivi-nociNOCI – Gli Agenti del Corpo Forestale dello Stato di Noci (BA), al termine di un’attività di indagine tesa alla tutela del territorio e del paesaggio, hanno deferito all’Autorità Giudiziaria un agricoltore di Noci per aver effettuato, in località Gorghe-Lamadacqua, a circa 11 km dal’abitato, lavori abusivi di dissodamento, frantumazione meccanica della roccia calcarea ed eliminazione della vegetazione spontanea tipica della Murgia.
La denuncia è scattata in quanto il dissodamento, finalizzato ad aumentare la superficie agricola coltivabile e a facilitare le operazioni agronomiche, è stato effettuato in assenza di qualsivoglia autorizzazione, dal 2006 al 2013, su area tutelata dal P.U.T.T./paesaggio della Regione Puglia, come Ambito Territoriale Esteso di valore distinguibile “C”, nonché sottoposta a vincolo idrogeologico e ricadente in zona S.I.C. (Sito d’Importanza Comunitaria).
L’accertamento dell’illecito è avvenuto grazie all’ausilio del SIM (Sistema Informativo della Montagna), software in dotazione al C.F.S., che permette di rilevare eventuali cambiamenti sospetti dello stato dei luoghi tramite il confronto delle ortofoto riferite a diverse annualità.
Oltre alla violazione della normativa in materia di tutela paesaggistica, è stato contestato anche il reato di cui all’art. 733 bis del codice penale, introdotto con d. lgs. n. 121/2011, che punisce con l’arresto fino a un anno e mezzo e l’ammenda fino a 3.000 euro, chiunque, fuori dai casi consentiti, distrugge un habitat all’interno di un sito protetto.

© Riproduzione riservata 02 Luglio 2014