aggiornato il 19/07/2010 alle 9:11 da

Possedeva reperti archeologici, denunciato

NOCI – I Carabinieri della Stazione Carabinieri di Noci già da tempo stavano tenendo d’occhio un artigiano del luogo, dedito al restauro di mobili antichi, e ieri, con la collaborazione dei colleghi del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Bari, hanno effettuato una perquisizione presso un laboratorio ubicato nel centro abitato. Durante tale operazione i militari hanno rinvenuto:

– diciannove reperti archeologici verosimilmente provenienti da antiche tombe dell’Italia Meridionale;

– un dipinto olio su tela raffigurante “Santa Chiara”, delle dimensioni di cm 80X64, risalente al 1700;

– un reliquario in metallo sovrapposto su supporto ligneo, dell’altezza massima di cm. 56;

– una croce in legno di antica fattura, dell’altezza massima di cm. 78,5;

– quattro candelieri in legno a tre piedi, con rifiniture dorate, dell’altezza massima di cm. 52,5;

– due frammenti di un antico affresco su base muraria, dimensioni cm. 25X15, nonché vari frammenti di intonaco antico affrescato;

– due candelieri in legno dorati a tre piedi, con decorazioni vegetali, dell’altezza massima di cm. 130;

– tre sezioni di un “Corretto” in legno da tre posti ciascuno, risalente al 1600/1700.

Tutti gli oggetti, di considerevole valore, sono stati sottoposti a sequestro. Sono in corso accertamenti da parte del Nucleo CC T.P.C. che provvederà a stabilire la provenienza e l’epoca di realizzazione dei manufatti. Il titolare del laboratorio è stato denunciato in stato di libertà per violazione del D.L. 42/2004 per essersi impossessato illecitamente di beni culturali appartenenti allo Stato.

© Riproduzione riservata 19 Luglio 2010

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento