aggiornato il 11/07/2013 alle 13:26 da

Una villetta al posto dei vecchi trulli, denunciati

sequestro villetta-nociNOCI – Avevano depositato una Dichiarazione di Inizio Attività per la manutenzione straordinaria di vecchi trulli di campagna ma, invece di recuperarli, li avevano demoliti, al fine di erigere un nuova costruzione residenziale più grande. L’abuso è stato scoperto dal personale del Comando Stazione Forestale di Noci (BA), in località “Zecchinella”.
Il sito interessato ricadeva nel cosiddetto “habitat dei trulli”, area direttamente tutelata dal Piano Urbanistico Territoriale Tematico del Paesaggio Regionale che qualifica i trulli come beni diffusi nel paesaggio agrario in quanto di interesse storico, architettonico e paesaggistico nonché testimonianza artistica-antropologica della cultura tradizionale locale, stabilendo che essi non possono essere demoliti ma solo recuperati e riqualificati secondo le direttive e gli indirizzi di tutela previsti dalle Norme Tecniche di Attuazione del Piano stesso. I responsabili dell’abuso, invece, non solo li avevano demoliti ma, al loro posto, stavano realizzando una nuova costruzione residenziale di circa 160 mq in assenza di qualsivoglia titolo abilitativo, in particolare del permesso di costruire e dell’autorizzazione paesaggistica.
Inoltre, poiché per la edificazione della nuova costruzione erano state realizzate anche parti strutturali in cemento armato senza che le stesse fossero state denunciate agli enti preposti, è stata contestata anche la violazione alla normativa specifica che disciplina le opere di conglomerato cementizio armato, nonché la violazione delle norme per la costruzione in zone sismiche (il Comune di Noci rientra nella III classe di sismicità così come previsto da una Delibera regionale del 2004).
Il proprietario dell’immobile, il progettista e Direttore del Lavori, entrambi residenti a Noci, nonché la ditta esecutrice dei lavori, con sede a Massafra, sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria e la costruzione abusiva è stata sottoposta a sequestro penale.
Si mantiene alto il livello di guardia del Corpo Forestale dello Stato nell’attività di contrasto all’abusivismo edilizio nell’area del sud-est barese.

© Riproduzione riservata 11 Luglio 2013

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento