aggiornato il 26/08/2010 alle 14:03 da

Morte Argenta, Sindaco: incolmabile perdita

NOCI – A poche ore dal funerale, che si terrà nella chiesa Madre di Noci, il sindaco Piero Liuzzi ricorda l’assessore perito in un incidente di moto. “La tragica ed inattesa dipartita dell’avv. Pietro Argenta costituisce una incolmabile perdita per l’Amministrazione, per la cittadinanza, particolarmente per la famiglia. Sento di rinnovare alla vedova Maria Lucrezia ed ai suoi adorati figli i sentimenti di vicinanza e di affetto per il luttuoso evento che ha strappato Pietro alla città ed ai suoi famigliari. Il tempo ci dirà nell’immediato di quanto l’uomo, il marito, il professionista, l’amministratore fosse ponderato, collaborativo, competente. Lo ricordo anche per la sua attitudine alla battuta, all’ironia che gli consentiva di entrare subito in sintonia con l’interlocutore, attirandone l’attenzione favorevole. Nelle riunione della Giunta non mancava, anche su argomenti apparentemente fuori dalle deleghe attribuitegli, la sua preziosa opinione. Importante è stato il ruolo svolto dalla primavera del 2008 (inizio della 2^ consigliatura) nella carica di assessore agli affari generali, al contenzioso agli interventi sociali. Alcune transazioni che andavano a chiudere antiche liti e contenziosi sono state propiziate grazie al lavoro svolto dall’assessore Argenta. Mi piace ricordarlo con i suoi attrezzi da falegname intento al bricolage di casa; come pure il sorriso ampio di chi guarda le cose con distacco. E la sua propensione alla cultura fisica. Sapete cosa lo contraddistingueva? La puntualità nelle riunioni, nelle convocazioni: la mia Amministrazione, che certo non brilla per la virtù del rispetto degli orari da parte dei componenti, trovava in Pietro l’eccezione che confermava la regola. Mi mancherà tanto. Mancherà a tutti quanti noi la sua presenza sempre discreta, sempre esemplare nell’approccio delle problematiche politico-amministrative. Un ultimo caffè preso in sua compagnia e dell’assessore Schiavone, la mattina di sabato 21 agosto, fatalmente rappresenta l’ultimo reciproco gesto di amicizia”.

© Riproduzione riservata 26 Agosto 2010