aggiornato il 11/04/2011 alle 17:27 da

Crisi, il sindaco chiede rinforzi e non riconosce il Patto Federativo

consigliocomNOCI – Piero Liuzzi per accelerare il risanamento della spaccatura nel gruppo consigliare del Pdl chiede l’intervento dell’onorevole Donato Bruno. E nel Consiglio comunale di venerdì 8 aprile dichiara di non riconoscere il Patto Federativo stretto tra 7 consiglieri della sua maggioranza, rimasti però ciascuno nella propria forza politica di appartenenza.

Secondo il primo cittadino di Noci, quello del Pdl è uno dei due fronti caldi da cui scaturisono i guai che impantanano la sua maggioranza che, pur rimasta formalmente stretta nei suoi stessi ranghi, non va più né avanti né indietro. Infatti, gli originari 7 consiglieri del Pdl, tra 2009 e 2010 si sono ridotti a 3 perché gli altri 4 si sono dichiarati Indipendenti nel Pdl. L’altro fronte è quello dell’Udc dove dei 4 consiglieri dell’Udc, 2 (di cui uno è il presidente del Consiglio comunale) hanno aderito al Patto Federativo, costituitosi a febbraio scorso e di cui fanno parte anche gli Indipendenti nel Pdl e il consigliere dei Popolari per Noci.

 “Per risolvere la crisi la mia propensione ad incontrare non ha avuto tregua – ha detto il Sindaco nel Consiglio di venerdì – ma ho incontrato ostacoli su due versanti: quello del Pdl, in cui, com’è noto, da parecchio tempo si registra una frattura di natura politica; e il versante Udc perché anche qui c’è una frattura politica. Nel Pdl il dialogo è ripreso, ed è il risultato del mio personale impegno nell’interpellare i vertici provinciali del partito e dei parlamentari che fanno riferimento alla nostra cittadina, ovvero l’onorevole presidente della Commissione Affari Costituzionali, Donato Bruno, che è intervenuto in prima persona per instaurare un tavolo e ricompattare il gruppo consiliare. È mio interesse favorire le azioni che possano portare alla serenità. Mi sono speso in prima persona: ognuno in questi casi fa quello che può ed io l’ho fatto per salvaguardare la serenità dell’intera maggioranza”.

 Ma poco dopo il portavoce del Patto Federativo ha detto la sua sulla mediazione dell’onorevole Donato Bruno.

© Riproduzione riservata 11 Aprile 2011