aggiornato il 20/07/2012 alle 13:38 da

A lezione di politica con Lupi e Alfano

NOCI – Anche due nocesi fra i quattrocentocinquanta giovani under 32 che lo scorso fine settimana hanno preso parte al prestigioso corso di alta formazione politica organizzato dalla Fondazione “Costruiamo il Futuro” in collaborazione con il Partito Popolare Europeo, il Pdl e promossa da oltre 40 parlamentari. Si tratta del consigliere azzurro Paolo Conforti e del giovanissimo Simone Dongiovanni.

“È stata un’esperienza straordinaria – ha dichiarato ai taccuini di Fax il consigliere Paolo Conforti – avevo partecipato ad altri corsi di formazione politica, ma mai come questo. Abbiamo avuto la possibilità di conoscere e confrontarci con i maggiori esponenti del panorama politico e culturale mondiale”.

Oltre agli interventi del poeta Davide Rondoni, dell’onorevole Angelino Alfano, del presidente dell’Inps Antonio Mastrapasqua, del direttore dell’Agenzia delle Entrate Attilio Befera, del direttore ufficio studi Banca d’Italia Daniele Franco, le tre giornate di formazione hanno visto anche la partecipazione di Marianne Malak, 28enne parlamentare egiziana di 28 anni egiziana. Tra gli ospiti anche Maurizio Lupi, Vincenzo Boccia, presidente piccola industria di Confindustria, Laura Sabbadini, direttore dipartimento statistiche sociali e ambientali Istat, Lorenza Violini, professore ordinario di diritto costituzionale all’Università Statale di Milano.

“Il corso  – prosegue il consigliere  – è stato molto utile per tessere rapporti, per discutere dei problemi interni del partito e affrontare alcune tematiche che preoccupano l’intera società, quali la disoccupazione giovanile”.

“Porto a casa – conclude Conforti  – un nuovo modo di militare nel partito, che si basa sui concetti di lealtà e coerenza. Come ha detto lo stesso Alfano nel suo intervento, bisogna essere prima di tutto uomini e poi politici. È un concetto che mi appartiene. Da quando ho inziato a fare politica ho sempre cercato di essere coerente con il pensiero del partito”.

“Che dire – commenta Simone – è stata un’esperienza assolutamente positiva  che oltre a ad averci formato politicamente ci ha regalato una lezione di vita non indifferente. Tre giorni ben organizzati che ci hanno dato l’opportunità di poter interagire con una miriade di vertici politici, potendo porre loro i nostri dubbi,le nostre incertezze, le nostre difficoltà attraverso gruppi di persone molto ristretti che hanno a loro volta creato tra noi partecipanti e vertici politici, un “legame” ancora più forte, tale da eliminare quel senso di emozione che si sarebbe avvertito nel porre una domanda dinanzi ad una platea molto ampia”.

Maurizio_LupiAngelino_e_Paolo_2 

© Riproduzione riservata 20 Luglio 2012