aggiornato il 05/02/2015 alle 23:22 da

Polignano, arriva la Guzzanti con la trattativa Stato-Mafia

la-trattativa-02POLIGNANO – Accompagnato da un ospite d’eccezione, il vicepresidente della Camera dei Deputati Luigi di Maio, arriva a Polignano “La trattativa”, il nuovo film di Sabina Guzzanti. Dopo essere uscito nello scorso ottobre ma senza alcun supporto da parte delle case di distribuzione cinematografica, il discusso film-documentario della regista romana sta oramai spopolando in tutte le sale d’Italia con il supporto dei cittadini interessati a diffondere al grande pubblico le rivelazioni della pellicola. E venerdì 6 febbraio, grazie agli attivisti dell’associazione Polignano R-Evolution e alla disponibilità del Cinema Vignola, farà tappa a Polignano.  Nato dall’idea di un gruppo di lavoratori dello spettacolo che ha deciso di mettere in scena con estrema chiarezza, le vicende relative alla trattativa Stato-Mafia, il film sarà proiettato al Multisala Vignola dove si prevede il tutto esaurito, viste le numerosissime richieste di prenotazione già confermate. Al termine della proiezione, i due parlamentari polignanesi Giuseppe L’Abbate ed Emanuele Scagliusi (M5S), accompagnati per l’occasione dal vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, interverranno illustrando i risvolti che “la Trattativa” ha, ancora oggi, sulla politica nazionale. “La cosa peggiore che si è fatta negli ultimi vent’anni è stato idolatrare alcune categorie – dichiara il vicepresidente Di Maio (M5S) – Questo film ci dimostra che non ci sono categorie che non possono essere toccate ma ci sono onesti e disonesti tra magistrati, tra i carabinieri, tra i politici e in ogni altra categoria”. Gli fanno eco i due deputati polignanesi che stanno organizzando due ulteriori proiezioni del film con gli studenti delle scuole medie e superiori di Polignano, sempre al Cinema Vignola. “L’obiettivo di questa proiezione è quello di non abbassare mai l’attenzione commenta il deputato Emanuele Scagliusi (M5S) – Anzi! Risulta necessario rilanciare quello che viene sottaciuto e mai raccontato nei dettagli come per la trattativa tra lo Stato e Cosa Nostra. Dobbiamo parlare di mafia perché è importante combatterla con ogni mezzo ma è soprattutto importante parlarne, far capire che il condizionamento mafioso è qualcosa da combattere a livello culturale”. “Invitiamo tutti i cittadini della provincia di Bari a non perdere questa occasione per partecipare ad un evento che non ha colore politico conclude il deputato Giuseppe L’Abbate (M5S) – L’unico obiettivo, infatti, è informare e sensibilizzare il più possibile i cittadini su ciò che ha rappresenta e rappresenta poi di fatto, nella vita di tutti i giorni, la mafia. Un sistema mafioso che il nostro Stato ha difficoltà a debellare dai nostri territori e che, purtroppo, lo ha visto anche piacente compagno di viaggio e di storia. Ma non ci stancheremo mai di ripetere l’insegnamento di Peppino Impastato: la mafia è una montagna di merda”.

© Riproduzione riservata 05 Febbraio 2015