aggiornato il 28/09/2011 alle 16:26 da

Legambiente marcia anche per la pace

POLIGNANO – legambiente_alla_marcia_della_paceQuest’anno alla Marcia della Pace Perugia – Assisi, che si è svolta domenica 25 settembre, ha partecipato il Circolo Hippocampus Legambiente Polignano con una sua delegazione. Il gruppo ha marciato con altri legambientini da tutta Italia per un mondo di diritti e di pace per tutta l’umanità. La partecipazione al cinquantesimo anniversario della Marcia è stata notevole e Vittorio Dezza Cogliati, Presidente Nazionale di Legambiente, ha detto:  “Non dimentichiamo i diritti negati e le schiavitù di casa nostra”. A fargli eco la dichiarazione di Maurizio Gubbiotti, responsabile dipartimento internazionale di Legambiente. “Con la nostra partecipazione alla Marcia vogliamo ribadire la necessità imprescindibile del rispetto dei diritti umani nel mondo – ha detto e continuato – un’operazione che passa inevitabilmente attraverso i processi di pace e la riduzione delle disuguaglianze sul pianeta, a cominciare da un utilizzo più equo e sostenibile delle risorse e dalla tutela di popolazioni e territori del sud del mondo che pagano in maniera pesantissima le conseguenze della crisi climatica e degli equilibri economici internazionali“. 
La marcia Perugia-Assisi è stata anche l’occasione per accendere i riflettori sui diritti e il futuro dei tantissimi immigrati che continuano a sbarcare sull’isola di Lampedusa e soprattutto dei minori costretti a vivere reclusi e a dormire all’aperto e in condizioni igienico-sanitarie a dir poco critiche. “La questione dell’immigrazione, che interessa pienamente l’Italia ma anche il resto d’Europa, non potrà risolversi blindando le frontiere – ha aggiunto il presidente nazionale di Legambiente – ma va affrontata con serietà e lungimiranza nei Paesi che milioni di persone abbandonano per sfuggire alla fame, alle guerre, alle persecuzioni, alle pulizie etniche. Questo cinquantenario della Marcia cade in un periodo in cui molti popoli del Mediterraneo e del Medio Oriente chiedono ai propri governi più democrazia e più legalità. E’ l’occasione per ricordare anche le molte illegalità, i diritti negati e le schiavitù di casa nostra, sfruttamento degli immigrati in primis, che vanno combattuti con forza”.

© Riproduzione riservata 28 Settembre 2011

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento