aggiornato il 17/10/2013 alle 15:48 da

Giovane Italia bolla l’amministrazione Vitto: fallimento, improvvisazione, immobilismo

giovane italia copiaPOLIGNANO – Riceviamo e pubblichiamo una nota inviataci dal movimento politico della Giovane Italia.
“Giovane Italia” non ha vissuto in attesa dei famosi primi 100 giorni dell’amministrazione Vitto, perché consapevoli che gli slogan appartengono solo alle campagne elettorali. Non abbiamo voluto  far polemica su tutto, perché preferiamo analizzare i “fatti”; anzi i “non fatti”. Dunque, abbiamo atteso. Adesso, dopo quasi un anno e mezzo, in cui i cittadini attendono il cambiamento tanto sbandierato in campagna elettorale, è tempo di bilanci.
Partiamo proprio dal bilancio: ottobre inoltrato e del bilancio di previsione (!) non vi è traccia, per quanto sia già tempo di bilancio consuntivo. Certo che ricordiamo anche noi le parole del sindaco Vitto in campagna elettorale “Se c’è una cosa che non bisogna fare è aumentare le tasse”. Peccato che appena insediata l’amministrazione Vitto  ha aumentato l’addizionale comunale Irpef dallo 0,40 allo 0,80! Staremo a vedere cos’altro accadrà.
E la trasparenza, dov’è? E il palazzo di vetro? Lo stesso Nucleo di Valutazione, appena insediato, ha severamente bacchettato l’amministrazione, per non parlare dei consigli comunali che si contano sul palmo di una mano.
E le belle frasi sugli stipendi “faraonici” dei dirigenti comunali? Chiacchiere, che come scopo avevano solo quello di mettere in cattiva luce il lavoro dei dirigenti davanti ai cittadini, visto che i dirigenti sono ancora tutti lì, insieme ai loro (intoccabili) stipendi e ne sono stati presi altri, compreso un legale che probabilmente come compito ha quello di far perdere tutti i ricorsi. Si, perché questa amministrazione è stata in grado di perdere tre importanti ricorsi, e su un altro si attende la pronuncia del consiglio di stato.
Pista ciclabile? Ma come, non si diceva che sarebbe stata smantellata il giorno dopo le elezioni?
E Largo Ardito? Sempre e comunque pieno di macchine parcheggiate.
Ed il parcheggio vicino al campo sportivo, con il suo bel bus navetta, che fine ha fatto? Ah, già, la cooperativa è scappata via improvvisamente
Ed il PIP, non era già pronto? No no, è stato affidato un altro incarico a ben tre progettisti.
Ma il piano spiagge, non si diceva che doveva essere pronto per la scorsa estate? No no, anche qui ci vuole un altro incarico.
E gli appalti? Be’, certo “viva la trasparenza”, se si riesce ad indovinare chi è il vincitore; tra l’altro riguardano opere pubbliche messe in cantiere dall’amministrazione Bovino: l’opposizione,e riesce a prevedere il futuro oppure i legami tra i vincitori degli appalti e l’attuale amministrazione sono palesi?
Il Piano Paesaggistico? Nessuna proposta da parte dell’amministrazione, addirittura sollecitata dai consiglieri di opposizione ad un consiglio comunale specifico.
Però, suvvia, abbiamo registrato un record di presenze di turisti. Peccato che il merito è degli operatori privati e di chi ha amministrato in precedenza, lanciando semi importanti per il futuro. Peccato anche che il super Sindaco Vitto, , è super esperto anche di turismo, avendo trattenuto la delega. Ma non ci ricordiamo cosa abbia specificamente proposto finora.
Giungono notizie su malumori all’interno della maggioranza, malumori che trapelano dagli stessi esponenti della compagine governativa, ci auspichiamo che questi scossoni politici non siano la causa dell’immobilismo di questa amministrazione… Chiudiamo: non è che aveva ragione l’ex sindaco Bovino nel definire l’armata  messa su solo per vincere la campagna elettorale “accozzaglia”? Con questo dubbio, vi salutiamo sperando che – ironia a parte – questa amministrazione tolga quanto prima il disturbo.

© Riproduzione riservata 17 Ottobre 2013