aggiornato il 25/11/2013 alle 17:49 da

La Sarnelli De Donato si candida per il progetto regionale Diritti a scuola

Scuola Lino De Donato verPOLIGNANO – Pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia – n. 143 del 31-10-2013 l’Avviso per il P.O. Puglia FSE 2007-2013  DIRITTI A SCUOLA, tanto atteso dagli Istituti scolastici pugliesi, quale supporto prezioso per giungere ad una reale scuola inclusiva.
Tra gli obiettivi strategici del progetto, quello di innalzare i livelli di apprendimento, di  assicurare l’equità di accesso, di garantire il possesso delle competenze chiave, attraverso interventi efficaci per il recupero delle competenze di base e trasversali ,anche con azioni sul contesto di riferimento, tali da contrastare la dispersione scolastica e i processi di emarginazione sociale dei soggetti più deboli, che hanno riflessi negativi inevitabili sulle prospettive di inserimento lavorativo.
Pertanto, capitalizzando i risultati ottenuti con le precedenti edizioni,la Regione Puglia ha deciso di riproporre questa tipologia di intervento( unica in Italia) anche per l’anno scolastico 2013/14, innovando, in parte, l’azione finanziata e dando maggiore risalto all’obiettivo di integrazione sociale,che ha caratterizzato l’edizione del 2012/2013,rafforzando le competenze di base e migliorando il livello di istruzione dei ragazzi e delle ragazze pugliesi, privilegiando quelli più svantaggiati.
L’efficacia, in tal senso, è stata rilevata dalle azioni di monitoraggio e verifica delle attività realizzate dalla Cabina di Regia, dai risultati dell’indagine effettuata da OCSE PISA e INVALSI – che hanno dimostrato un miglioramento significativo dei livelli di apprendimento degli alunni.
Il Collegio dei docenti dell’Istituto Comprensivo “Sarnelli De Donato Rodari” , nella seduta del 19 u.s., ha proposto – all’unanimità- la propria candidatura (scadenza 29/11/2013) al fine di ottenere il finanziamento per attuare, anche nel corrente anno scolastico, come già avvenuto nel recente passato, i seguenti progetti, rientranti nelle tipologie di Diritti a scuola:

n. 2 progetti di tipo A ( n. 1 per la Scuola Primaria, di 700 h- ambito linguistico)
 (n. 1 per la Scuola Secondaria di 1° grado, di 700 h- Italiano)

n. 2 progetti di tipo B ( n. 1 per la Scuola Primaria, di 700 h- ambito scientifico)
 (n. 1 per la Scuola Secondaria di 1° grado, di 700 h- matematica)

n. 1  progetto di tipo C  ( 60 h  psicologo
 ( 30 h  pedagogista/orientatore
 ( 30 h  mediatore culturale).
“In particolare, per la scuola primaria, i progetti dovranno essere riferiti all’ambito linguistico e scientifico, mentre per la scuola secondaria di primo grado, alle discipline di italiano e matematica rientranti nelle classi di concorso A043 e A059…
“Al fine di  sostenere adeguatamente l’innalzamento dei livelli d’istruzione, – dichiara il Dirigente scolastico, prof. Lino De Donato- promuoveremo( in caso di autorizzazione)  specifiche attività didattiche piu’ attrattive , mediante l’utilizzo di metodi innovativi, per far conseguire a tutti, nessuno escluso, il successo scolastico.
L’obiettivo di tali attività sarà quello di facilitare lo sviluppo delle capacità cognitive, comunicative e relazionali, nonché delle competenze linguistiche e logico matematiche dei ragazzi e di migliorarne anche i processi di motivazione.
La presenza – come lo scorso anno scolastico- dello sportello di ascolto, aiuterà gli alunni  a migliorare l’autoconsapevolezza, la crescita di stima e  la responsabilizzazione e le relazioni umane, in ambito scolastico e familiare.
Novità – di quest’anno- conclude il Dirigente- la richiesta anche di un mediatore interculturale, per la presenza nelle classi di alunni stranieri di recente immigrazioni, con gravi difficoltà nella conoscenza della lingua italiana.
 Se vogliamo veramente quella scuola dell’inclusione, di cui tanto si parla, dobbiamo dare a ciascuno cio’ di cui ha bisogno, dai  diversamente abili, ai DSA, agli svantaggiati a livello socio- economico, agli adottati, agli immigrati , comprese le eccellenze che, spesso, vengono trascurate, in quanto l’attenzione si concentra sui meno dotati”.

© Riproduzione riservata 25 Novembre 2013