aggiornato il 28/10/2010 alle 8:47 da

Perseguita la sua ex, salva grazie ad una telefonata

CarabinieriPOLIGNANO – Evidentemente non ha accettato la fine della relazione con la sua ex fidanzata e per questo motivo ha deciso di perseguitarla, aggredendola e minacciandola. Ieri sera l’epilogo della vicenda, quando l’ultima  aggressione lo ha fatto finire in carcere. Si tratta di un 24enne di Polignano, arrestato in quel centro dai Carabinieri della locale Stazione con le accuse di atti persecutori. Nella serata di ieri il giovane ha costretto la ragazza, una 18enne del luogo, a seguirla in aperta campagna, dove è stata aggredita e minacciata di morte. Nel corso della colluttazione, la vittima riusciva a far partire dal suo cellulare una chiamata al “112” che le salvava la vita. La centrale operativa dell’Arma, che in diretta sentiva le richieste di aiuto della 18enne, capita la gravità della situazione, riusciva, tramite il sistema di localizzazione dell’utenza telefonica, ad individuare la zona dove si trovava la malcapitata e a far convergere sul posto le “gazzelle” in circuito. In poco tempo l’auto dello stalker, con a bordo la vittima, veniva intercettata e bloccata dai militari che, dopo aver soccorso la ragazza, con evidenti segni di violenza sulle braccia e sul volto, traevano in arresto il 24enne. Il giovane è stato associato presso la casa circondariale di Bari.

© Riproduzione riservata 28 Ottobre 2010