aggiornato il 14/09/2020 alle 16:45 da

Focolaio Sop, 168 casi positivi

Sono 168 attualmente i casi positivi della Sop. A confermarlo è il governatore uscente, Michele Emiliano, che in una nota, ha comunicato i dati aggiornati ad oggi.
“Giornata di lavoro a Polignano a Mare con la task force anti Covid che ho riunito per fare il punto sul focolaio aziendale che ha generato, al momento, 168 casi positivi, 122 tra i dipendenti e gli altri tra i contatti stretti.
Questi casi Covid risiedono in diversi Comuni e sono così distribuiti: Polignano 76, Monopoli 31, Grottaglie 14, San Marzano 14, Noicattaro 9, Triggiano 5, Villa Castelli 5, Castellana Grotte 4, Conversano 4, Bitritto 3, Ostuni 2, Bari 1″- scrive Emiliano.
“I numeri non devono preoccupare, siamo stati tempestivi nel mettere in quarantena tutti i contatti stretti dei casi positivi, ci sono centinaia di persone in isolamento a casa e questo è fondamentale per chiudere le catene di contagio.
Stiamo anche tentando di salvaguardare i siti aziendali che hanno la vendemmia in corso e metterli nelle condizioni di non perdere il raccolto, anche perché spesso gli stessi lavoratori sono divisi tra più aziende. Quindi bisogna fare uno screening molto attento sia da parte delle aziende con i loro medici del lavoro, sia da parte della Asl, in modo tale da evitare che qualcuno asintomatico o paucisintomatico possa girare infettando altre persone.
Abbiamo riflettuto sul fatto che l’età media dei contagiati è intorno ai 40 anni, quindi è presumibile che abbiano un certo numero di figli che frequentano le scuole. Non abbiamo, allo stato, rilevato situazioni di particolare allarme, fermo restando che in questa materia, nel coordinamento della lotta al Covid, si procede giorno per giorno sulla base dei dati, e quindi siamo pronti ad adottare qualunque provvedimento ove necessario.
Ma in questo momento immaginare un ritardo dell’apertura delle scuole non ci pare fondato su dati epidemiologici obiettivi. Peraltro, con riferimento alla riapertura dell’anno scolastico in Puglia, avevamo già posticipato al massimo la data, al 24 settembre. La situazione resta sempre monitorata.
Infine stiamo azionando proprio su questo focolaio il protocollo d’intesa con la Polizia municipale e con le Forze dell’ordine per dare aiuto al Dipartimento di Prevenzione nella esecuzione delle indagini epidemiologiche per rintracciare i contatti stretti”.

© Riproduzione riservata 14 Settembre 2020

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *
Nome
Email *
Sito web