aggiornato il 16/09/2012 alle 8:54 da

Omaggio a Pino Pascali a S.Salvatore

pino_pascaliMONOPOLI – Da ieri fino al 23 settembre 2012, dalle 19.30 alle 21.30, la chiesa di S. Salvatore di Monopoli si appresta ad accogliere gli 80 lavori di Aguìn, tra disegni, pitture sul legno e omini pubblicitari di legno per raccontare la magica ironia della réclame. Un viaggio nella storia del Cartellonismo, dal Futurismo sino al Carosello. A chiudere la mostra di Aguin domenica 23 settembre sempre alle 19.30 sarà ancora Franco Liuzzi che presenta La linea é libera, un omaggio a Osvaldo Cavandoli, l’inventore de La Linea per le pentole Lagostina nel 1969. E’ l’occasione per conoscere la storia di un grande dell’animazione italiana che, dopo aver frequentato la scuola dei Fratelli Pagot, provò a inventare un suo personaggio. E che, dopo la singolare abiura della Rai, nel 1977 lasciò l’Italia e riuscì a far diventare la Linea un personaggio famoso in 28 Paesi del mondo. In verità, nel corso delle piéces che aprono e chiudono la mostra, Aguin e Liuzzi duetteranno per soffermarsi in particolar modo su Pino Pascali. A lui (aggiungere??), alla sua ironica e ridente creatività, e in particolare al suo divertente modo di raccontarci la comunicazione pubblicitaria durante gli anni di Carosello, l’ultimo contenitore delle arti grafiche Cartelloniste. Un viaggio, un’escursione nei dintorni di Pascali per scoprire che altri attori cercano di osservare un fenomeno che lui stesso aveva analizzato con maestria. Ed è per questo che Aguin e Liuzzi raggiungeranno la chiesetta di San Salvatore di Monopoli a bordo di un’imbarcazione partendo dallo Scoglio dell’Eremita di Polignano e sbarcando a Porta vecchia a Monopoli. Come se, in una terra in cui dal mare giungono ossa e quadri, dall’imbarcazione giunga (giungesse?) un segno importante, un invito a cercare nella nostra creatività almeno alcune risposte. Una piccola barca raggiungerà da Monopoli l’isola, eletta da noi quale simbolo della sua terra natia, e metafora, al tempo stesso, dell’arte che non ha confini né frontiere.

© Riproduzione riservata 16 Settembre 2012