aggiornato il 12/03/2014 alle 18:00 da

Fratelli d’Italia, Isa Masi: ‘Da Fiuggi si riparte’

Isa MasiPOLIGNANO – Dichiarazione di Isabella Masi:
“Devo essere sincera, probabilmente come tanti, fino a pochi giorni fa, non avevo molto entusiasmo. Il mio naturale entusiasmo per la partecipazione attiva, la mia naturale voglia e volontà di dare il mio piccolissimo contributo di partecipazione alla vita sociale e politica della mia Nazione e del mio paese era del tutto scemato, annientato direi, provavo solo sconforto e delusione. Lo sconforto e la delusione di chi si sente ormai svuotato di entusiasmo e volontà, lo sconforto di chi si sente solo con le sue idee, la sua rabbia, la sua delusione. Bene, già dai primi minuti in cui sono entrata al Palafiuggi per il congresso di “Fratelli d’Italia” ho subito avuto la sensazione che il mio entusiasmo si stesse riaccendendo, ho iniziato a sentire il mio senso di sconforto e solitudine venir meno nel vedere tantissime persone, uomini, donne e soprattutto tantissimi giovani, animati dalla stessa mia voglia e partecipazione. “In nome del popolo sovrano” è il manifesto che regnava onnipresente. Poi vari interventi al congresso ricchi di contenuti, di volontà, di fatti. Ecco quello che mi ha principalmente colpito, non frasi fatte, soliti slogan e cliché…ma fatti…il concretizzarsi delle idee, delle opinioni, il credere nelle Istituzioni, il senso dello Stato, il sentirsi popolo di un unica Nazione e su tutto, il voler riappropriarsi di questa nostra splendida Nazione, ormai vituperata, abusata ed espropriata. Non mi sono sentita più sola, ho realizzato che con grande entusiasmo migliaia di persone condividevano con me la mia stessa rabbia, le mie stesse aspirazioni, la voglia e la volontà di unirsi per cercare o anche sperare di cambiare tutto ciò che non condividiamo, di esercitare quella sovranità popolare che la nostra nobilissima, ma ormai completamente disattesa e vituperata Costituzione ha affidato a tutti noi. “In nome del popolo sovrano”. Ed è proprio in tale qualità che voglio riappropriarmi della sovranità a me e a noi tutti concessa dall’art.1 della nostra Costituzione, ed è in nome di tale sovranità e con gli strumenti costituzionalmente previsti, che voglio attivamente adoperarmi affinché tutti noi possiamo finalmente esercitare il potere a noi conferito, e finalmente riappropriarci della nostra cara e depauperata Nazione. Voglio crederci e sperare, che tante altre persone, uomini donne, giovani e non, possano ricominciare a credere in tali nobilissimi valori e, tutti uniti, guidati da una donna eccezionale quale Giorgia Meloni, si possa finalmente auspicare in un cambiamento”.
Polignano a mare, 12 Marzo 2014

© Riproduzione riservata 12 Marzo 2014