aggiornato il 29/08/2010 alle 15:16 da

La lista Schittulli si rimangia il senso del manifesto

POLIGNANO – Riceviamo e pubblichiamo

RingraziandoLa per lo spazio accordatoci, siamo qui, attraverso questa lettera a significarLe  le reali motivazioni che hanno indotto il nostro gruppo a pubblicare il manifesto qui di seguito allegato. Prim’ancora di entrare nel merito dei contenuti, corre l’obbligo di fare una doverosa e fondamentale precisazione: l’ideazione e la progettualità di questo manifesto, così come di qualsiasi iniziativa prodotta dal Movimento Politico Schittulli è essenzialmente il frutto del lavoro di un gruppo composto non solo da noi Consiglieri Comunali, ma da ogni singolo componente del direttivo che sottende il nostro partito.  Questo a scanso di equivoci che vogliano strumentalizzare le nostre iniziative allo scopo di alimentare polemiche personali. Quanti hanno voluto vedere nel nostro manifesto un attacco diretto all’amministrazione, hanno clamorosamente frainteso il senso dell’iniziativa. Noi rappresentiamo i nostri elettori e nella pubblicazione del manifesto abbiamo voluto esternare le reiterate sollecitazioni che quotidianamente riceviamo in merito ad alcuni temi che sono fondamentali per la nostra comunità. Sia chiaro, come già ampiamente confermato dal collega Onofrio Torres, noi non contestiamo né la realizzazione del porto che ad oggi in prospettiva rappresenta un volano eccezionale per l’economia del nostro paese, né tantomeno rinneghiamo la scelta di dotare il nostro cimitero di servizi ed innovazioni attraverso lo strumento del project financing del quale abbiamo già potuto sperimentare gli ottimi ritorni mediante il nuovissimo Comando dei VV.UU. Questi due provvedimenti (il porto ed il cimitero) sono stati intrapresi da due amministrazioni diverse nel recente passato e questo elemento, associato al nostro convincimento verso gli stessi deve far capire che la nostra iniziativa è un atto di carattere trasversale che esula completamente dal colore politico o da logiche elettorali. Noi vogliamo semplicemente che Polignano abbia quel che merita e soprattutto quel che gli è stato promesso e per questo contestiamo fermamente una certa classe imprenditoriale che pensa di vedere la nostra cittadina come terra di conquista da colonizzare in palese spregio di questa comunità. Rivendichiamo i diritti dei Polignanesi e il nostro impegno sarà costante in questo senso non solo attraverso queste  civili forme di protesta che mirano a sensibilizzare la popolazione (semmai ce ne fosse bisogno), soprattutto quanto al confronto con i diretti interessati avvalendoci anche della fattiva disponibilità del nostro Presidente della Provincia, prof. Francesco Schittulli.

Ass.Paolo Montalbò

Cons.Com.Giuliani Vito Nicola

Cons.Com.Pedote Donato

Cons.Com.Torres Vito Onofrio

© Riproduzione riservata 29 Agosto 2010