aggiornato il 14/03/2013 alle 9:28 da

Schiaffi all’amministrazione Vitto

Immagine_concorsiPOLIGNANO – Riceviamo e pubblichiamo dalla coalizione di centrodestra:

Il Comune di Polignano, con delibera di Giunta n. 44 del 28.02.2013, pubblicata il 6 marzo, ha approvato un accordo con il Comune di Modugno (attualmente commissariato) per l’utilizzo da parte di quest’ultimo delle graduatorie dei concorsi pubblici per istruttore direttivo e contabile risalenti al settembre ed ottobre 2010. Si tratta dei concorsi tanto contestati da parte del centro sinistra, che sulla pretesa illegittimità, irregolarità e finanche illiceità dei quei concorsi costruì la successiva campagna elettorale, vincendola.A distanza di più di due anni, dopo che la nuova amministrazione di centro sinistra già nello scorso mese di Giugno attinse a quelle graduatorie, un’amministrazione commissariata (!), dunque apolitica ed imparziale, chiede di poter utilizzare le stesse graduatorie e l’attuale amministrazione di Polignano ne rilascia l’autorizzazione.Noi lo sapevamo, ma evidentemente gli amici del centro sinistra si sono ravveduti presto: non si trattava di concorsi-truffa, non c’era nessuna parentopoli, nè c’erano irregolarità. Non c’era un bel niente da denunziare o da annullare. Niente di tutto questo, se non una campagna elettorale fatta di accuse e veleni. Con, oggi, un dato politico importante: l’assessore di SEL, Paolo Mazzone, non ha firmato la delibera.Allora che succede?Succede che l’amministrazione fa acqua e, dopo le promesse elettorali, bisogna fare i conti con la realtà del saper amministrare bene una comunità.Succede anc

he che il gruppo consiliare di SEL, per essere coerente, dovrebbe uscire dalla maggioranza e ritirare il suo assessore, Paolo Mazzone, di cui in ogni caso chiediamo le dimissioni.

Grazie per la collaborazione.
I responsabili locali di:
Popolo della Libertà
Puglia Prima di Tutto
Fratelli d’Italia
Grande Sud
Giovane Italia

 

 

© Riproduzione riservata 14 Marzo 2013

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento