aggiornato il 22/03/2013 alle 16:08 da

Pd, nasce il gruppo “mettiamoci passione”

Angelo-FocarelliPOLIGNANO – Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota da un gruppo di attivisti del Pd composto da: “Vitino Benedetti, Antonio Calderaro, Giovanni Colagrande, Tommaso Colagrande, Angelo Focarelli, Francesco La Volpe, Gianni Labbate, Luigi Laruccia, Vito Laselva, Michele Mongelli”

 

Condividere un pensiero lungo. La passione per il Bene comune e per la Politica.

Di qui vogliamo ripartire.

È tempo di bilanci. Consuntivi, ma soprattutto di “previsione”.

Ci interessa, innanzitutto, riflettere sul contributo che l’area di centro sinistra e, in particolare, il Partito Democratico sta offrendo alla discussione politica locale e all’amministrazione.

Sarà la PROPOSTA, e non la protesta, la guida del nostro agire. Non si intende puntare l’indice, ma molto più utilmente alzarlo, cercando responsabilmente di fare la propria parte, mettendoci passione.

Guardando al futuro, ci lasciamo alle spalle un PD protagonista della cavalcata elettorale del 2012. E poi, una inadeguatezza di presenza e di proposta politica.

Rischiamo di confermare l’immagine di un Partito Democratico ridotto a semplice comitato elettorale centrato sul ruolo di pochi collettori di voti.

Ed invece, la politica che rende stabile il cambiamento è quella che attiva le persone, non solo in campagna elettorale ma ogni giorno, nella costruzione delle sue politiche pubbliche. La politica è vecchia se concepita soltanto come gestione del potere. “Un potere convinto di bastare a se stesso è semplicemente inefficace, dunque irrilevante. Inutile. E il senso di inutilità spesso avvolge l’azione politica”.

Allora, occorre che il partito democratico riconquisti credibilità nella discussione politica che attiene il futuro comune, ed autonomia, nella proposta e nei confronti anche dell’Amministrazione.

In quest’ottica è, più che mai, urgente riprendere e sviluppare l’iniziativa politica del Partito Democratico, riproponendo con forza la necessità del cambiamento, dello sviluppo, della sana amministrazione, della partecipazione democratica a tutti i livelli. Non solo,  occorre coagulare una rete attiva di persone di area attorno a una visione condivisa di futuro per il Paese.

Persone accumunate dalla convinzione che il progetto del partito democratico è più che mai valido, anche a livello locale.

Non una corrente o un gruppo organizzato, ma un’organizzazione aperta che discute e si confronta sui problemi locali e nazionali coerentemente con il programma politico e il codice etico dei democratici.

Siamo  interessati al confronto.  Per  adeguare la capacità politica ed organizzativa del PD alla domanda che viene dalla società e alle esigenze che derivano dalle responsabilità amministrative. Per  esprimere un orientamento sui maggiori problemi della città. Per realizzare una reale partecipazione degli iscritti alle scelte politiche e sviluppare una iniziativa aperta alla partecipazione dei cittadini, e dei giovani in primo luogo, che crei un circuito permanente di confronto e di proposta sulle scelte fondamentali.

Su un altro versante, ci preme dare senso e ordine alla vita organizzativa del PD. Costituendo una base di iscritti veri che partecipi attivamente e con costanza alla vita del circolo. Dando vita ad organismi dirigenti che effettivamente partecipino alle scelte politiche ed organizzative e che rappresentino tutte le espressioni del partito democratico.

Stiamo pensando ad incontri e ad un blog ( mettercipassione.blogspot.com ) in cui coinvolgere progressivamente il numero più ampio di persone interessate a questa prospettiva, o anche solo interessate ad essere informate dei risultati di questa iniziativa.

Tutto ciò, ci piacerebbe farlo nel PD. La nostra casa comune.

© Riproduzione riservata 22 Marzo 2013