aggiornato il 11/04/2014 alle 13:00 da

Gentile: ‘Il S. Maria degli Angeli non chiuderà’ [FOTO]

arrivo al S. Maria degli AngeliPUTIGNANO – L’assessore alla Sanità della Regione Puglia Elena Gentile chiude la partita: «L’Ospedale di Putignano non chiude» e conferma «l’assoluta assenza negli atti di programmazione regionale e nel piano di riordino ospedaliero di iniziative finalizzate al depotenziamento del presidio di Putignano». Netta la posizione dell’esponente PD, candidata alle prossime elezioni europee, giunta a Putignano giovedì scorso, in compagnia di Mario Loizzo, consigliere regionale PD e già assessore ai trasporti, per visitare, come preannunciato agli amministratori cittadini dopo la sua nomina ad assessore regionale, i reparti del “S. Maria degli Angeli”: ad accoglierla, poco dopo le 12,30 il Sindaco Gianvincenzo Angelini De Miccolis, il Comandante della locale Stazione dei Carabinieri Luog. Bartolomeo Nucci, l’Assessore Saverio Campanella, il dott. Piero Console e Angela Manghisi, responsabile della Direzione amministrativa dell’ospedale. Lungo e dettagliato il tour dell’assessore tra i reparti per constatare le condizioni in cui versa il nosocomio cittadino e ascoltare dalla diretta voce del personale medico e dei pazienti le necessità più stringenti, in primis maggiori certezze e rassicurazioni: la situazione più critica in Ortopedia dove «è una vergogna», afferma il direttore dott. Raffaele Recchia, a fronte anche della struttura vetusta che necessita di ristrutturazione e di letti poco funzionali che risalgono agli anni Cinquanta; altra preoccupazione espressa da primari e personale ospedaliero la carenza di medici e la mobilità forzata degli operatori sanitari, con il conseguente sovraccarico di lavoro: nel reparto di Medicina c’è chi scoppia in lacrime per lo spostamento imminente (negli scorsi giorni è arrivata una lettera a 15 portantini) presso il nuovo ospedale di Altamura, che sarà inaugurato domani; notevoli la dotazione di macchinari nuovissimi in alcuni reparti, tra cui la Dialisi e l’Oculistica, e la professionalità di medici esperti, provenienti da tutta la Puglia, che rendono il “S. Maria degli Angeli” un fiore all’occhiello per tutto il distretto. Nel pomeriggio l’Assessore ha avuto in Sala consiliare un confronto schietto con i medici di base, che hanno avanzato per voce del dott. Gianni Intini la proposta di una struttura comune che ospiterebbe i 25 medici putignanesi, con probabile allocazione di servizio di guardia medica e degli specialisti convenzionati, consentirebbe, tramite fondi derivanti dall’accordo integrativo regionale, un’implementazione di infermieri e personale di segreteria a disposizione dei pazienti in una sorta di front office, un’ottimizzazione delle risorse e dei tempi di attesa tramite digitalizzazione di procedure e costituzione di banche dati. «Alcune criticità emerse come quella del potenziamento dell’U.O. di Diagnostica per Immagini – ha affermato l’Ass. Gentile poi in conferenza stampa nella sede del PD – verranno immediatamente affrontate» per la dotazione di un apparecchio di risonanza, senza tralasciare la rifunzionalizzazione di altri reparti e l’attivazione di 5 posti nell’Unità di Terapia Intensiva Respiratoria: «Da alcuni anni il Governo ha azzerato i capitoli per l’edilizia sanitaria», ha rilevato l’assessore informando tuttavia la proposta pugliese di stanziamento di 500 milioni di euro per la messa in sicurezza delle strutture esistenti e la realizzazione di altri nuovi ospedali; altre risorse potrebbero arrivare dalla Cassa Depositi e Prestiti e dai programmi comunitari per il potenziamento dei servizi territoriali. Promesse dall’assessore verifiche per risolvere la mancanza dell’emodinamica per la gestione delle emergenze; positivi i primi riscontri dell’attivazione da metà gennaio delle visite notturne o nei giorni festivi per l’abbattimento delle liste d’attesa.

© Riproduzione riservata 11 Aprile 2014

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento