aggiornato il 15/04/2014 alle 10:49 da

Sos rifiuti, si corre ai ripari?

rifiuti spine rossine copiaPUTIGNANO – Putignano continua a riempirsi di rifiuti. Emblematico quanto sta avvenendo nei punti di raccolta delle zone rurali dove – forse per protesta – le buste dell’immondizia vengono lasciate sulla strada e non nel cassone e ciò comporta che al passaggio degli operatori ecologici quei rifiuti restano per terra mentre il contenitore col suo contenuto viene puntualmente ritirato. Una situazione davvero molto grave e sono tanti i cittadini che giornalmente ci segnalano tramite foto, lo scempio in atto. A ciò si aggiungono il dato della raccolta differenziata che continua a scendere (a marzo 53,44%) e l’annuncio shock della ditta Antinia: l’amministrazione unico Cosimo Giotta la scorsa settimana a Fax ha dichiarato di valutare l’ipotesi di chiedere la rescissione del contratto con il Comune; una eventualità che farebbe definitivamente morire il “porta a porta”.

Abbiamo chiesto all’assessore all’ambiente e vice sindaco, oltre che candidato sindaco del centrosinistra, Dino Angelini cosa ne pensa. “C’è un contratto che Giotta ha sottoscritto dopo aver accettato le regole di una gara di evidenza europea. – Commenta Angelini – La sua dichiarazione quindi è molto forte; io vedo nell’approcciarsi alla campagna elettorale l’emergere di problemi che non c’erano, per esempio i rifiuti attorno ai punti di raccolta dell’agro che per un anno non abbiamo avuto”.

Quindi secondo lei è tutto frutto di una manovra elettorale?

“Voglio essere smentito, non sono abituato a pensar male, sono una persona buona di animo e penso sempre al bene, quindi voglio pensare che è solo un caso. Ma nello stesso momento sono determinato a risolvere questa questione e la si risolve se la ditta è pronta a farlo proponendo delle soluzioni, e da parte nostra ponendo attenzione alle esigenze della ditta stessa”.

E’ preoccupato dell’eventualità di un’interruzione del servizio?

“Solo il tempo dirà se è uno sciacallaggio politico o se si tratta di un malinteso con la ditta. Comune se una ditta, che si occupa di rifiuti, si mette a fare politica andrò sui palchi e farò le mie riflessioni, ma credo che tutto si risolverà. Mi dicono che presto inizierà la distribuzione delle buste, altra situazione che qualcuno attribuisce alla campagna elettorale ma io sono fra quelli che pensa sempre giudicando le situazioni per quelle che sono, senza scendere sempre in polemica”.

Intanto la raccolta differenziata continua a scendere, come se lo spiega?

“Tre problemi connessi: una prevista flessione all’anno quando devi ripartire con le campagne comunicative, la mancanza della partenza degli incentivi al CCR e terzo il problema delle buste che sono finite; c’è chi non sta più facendo la raccolta differenziata perché non ha più buste. Ci sono una serie di concause ma sono state tutte quante studiate e in via di soluzione”.

Le migliorie al servizio a che punto sono? Sono state approvate in giunta ma la ditta dice di non essere stata informata di nulla, come è possibile?

“La ditta non ha ancora avuto comunicazione ufficiale perché le ordinanze di attuazione non sono ancora state fatte dai dirigenti. Il monitoraggio dei siti, il primo dei miei obiettivi, prevede che un operatore con un mezzo motorizzato quotidianamente pulisca gli accumuli attorno alle campane del vetro e alle postazioni inquinati; questa è una cosa che secondo quanto mi ha riferito la dott.ssa Scalini può partire subito perché è a costo zero essendo un servizio che sostituisce un altro non reso; però effettivamente non è ancora partito e devo capire cosa si è interrotto.

Il problema dell’accumulo di rifiuti che accusiamo a Putignano, è lamentato da tanti altri comuni come Rutigliano, pluripremiato come Comune riciclone. E’ un problema di inciviltà che ha bisogno di tempo per essere risolto ma è una questione a tempo. Non credo che sia un problema che verrà posto in campagna elettorale perché sarebbe come se in campagna elettorale ci mettiamo a parlare del perché esiste chi parcheggia in doppia fila che fa parte dello stesso tipo di questione, insomma nulla a che vedere con la politica.

Comunque con le migliorie si risolvono tutti i problemi ma serve un po’ di tempo perché siccome sono servizi aggiuntivi partono nel momento in cui si approva il bilancio”.

Il bilancio di previsione 2013 è stato approvato solo a metà dicembre, quindi i tempi saranno lunghi…

“Io farò il sindaco e lo approverò presto il bilancio, – ride – comunque alcuni servizi possono essere fatti partire in dodicesimi (escamotage di bilancio) o attraverso la compensazione con servizi non resi. E poi per esempio, riportare i cassoni per le aree rurali nei 12 punti, è un problema che automaticamente si risolve con l’arrivo dell’estate; il raddoppio delle prese per i farmaci e per il vetro, se ricordo bene costa 3mila euro all’anno, e servizi non resi per 3mila euro ci sono quindi può essere attivato subito. Le migliorie sono la soluzione definitiva a tutti i problemi”.

Intanto nei giorni scorsi è partita un’operazione coordinata dal comando della Polizia Municipale contro l’abbandono incivile di rifiuti e numerosi sarebbero i cittadini colti in flagranza e pesantemente multati. I dettagli dell’operazione anti-rifiuti saranno illustrati domani mattina durante una conferenza stampa convocata dall’assessore Dino Angelini.

© Riproduzione riservata 15 Aprile 2014