aggiornato il 14/01/2011 alle 11:37 da

I nostri Principi Attivi

PUTIGNANO – Marisa-Liuzzi-e-Domenico-Maggipinto-del-progetto-SepikRoberto-Martellotta-e-Guido-De-Santis-del-progetto-Affitto-FlessibileLa 2ª edizione del bando regionale Principi Attivi premia su Putignano tre progetti con un finanziamento di 25mila euro ciascuno. Abbiamo incontrato i referenti delle idee vincitrici. Al 36° posto della classifica generale compare il progetto “PutignanoAumentata”, proposto da Francesco Surdo, web master e Vincenzo Carenza, modellatore 3D, entrambi di Turi e dalla putignanese Giusy Casulli, laureata in Lingue per l’impresa. “Il progetto interessa Putignano e il suo Carnevale”, spiega Francesco che fornisce l’obiettivo: “Far diventare la manifestazione carnascialesca più antica d’Italia, la più innovativa grazie all’utilizzo di QrCode e Realtà Aumentata. Le nuove tecnologie permettono di ampliare la visione della realtà con contenuti digitali, che faranno del Carnevale di Putignano un’esperienza coinvolgente”. Altro vincitore è il progetto “Affitto flessibile – Soluzioni abitative al passo coi tempi”, giunto all’87° posto e presentato da Roberto Martellotta di Putignano e Guido De Santis di Modugno. Entrambi 28enni, hanno studiato Scienze Politiche, con indirizzo economico. Roberto ha illustrato: “L’idea è quella di creare o far emergere una nuova offerta di soluzioni abitative più flessibile, sia per quanto riguarda il periodo che per il prezzo. L’obiettivo è realizzare un sito web che sia vetrina per i proprietari delle case, aperti ad affitti a breve termine. In questo modo si uscirebbe dal nero e ci sarebbe una maggiore regolarizzazione dei contratti”. L’esigenza è emersa soprattutto su Bari, Roberto racconta:  “L’idea è nata a seguito dell’esperienza universitaria, il progetto è rivolto per esempio agli studenti fuori sede. Ci siamo accorti che è un mercato chiuso, per niente rivolto agli stranieri. Chiaramente il progetto si può estendere all’ambito della formazione professionale, o anche aprirsi al turismo”. Terzo progetto vincitore è “Sepik”, 101° posto in classifica. A presentarlo sono Marisa Liuzzi, 27 anni, di Acquaviva delle Fonti e Antonella Centrone, 30 anni, di Molfetta. Entrambe laureate in Conservazione dei Beni Culturali, con esperienze nell’ambito del management culturale. Nel gruppo anche Domenico Maggipinto, 26 anni, di Putignano, laureato in Scienze Sociali per la cooperazione, sviluppo e non profit, con esperienze nel sociale e nell’ambito dell’integrazione di rifugiati. Marisa, in qualità di referente, spiega: “Il progetto Sepik prevede la creazione a Putignano di uno spazio sociale che organizzi ed ospiti attività culturali, mostre, concerti, percorsi formativi e di integrazione”. Ad incuriosire è il nome. “Sepik deriva dal più importante fiume della Papua Nuova Guinea – spiega Marisa – nel cui territorio è presente un  sistema di rapporti sociali basati sul ‘dare’ piuttosto che sull’‘avere’. Abbiamo deciso di chiamare il nostro progetto Sepik perché vogliamo far nostro lo spirito di collaborazione piuttosto che di scontro e competizione tipico  dell’economia del dono, propria del bacino del Sepik”. I progetti sono in fase di decollo. Oltre ai complimenti, i vincitori meritano un in bocca al lupo.

© Riproduzione riservata 14 Gennaio 2011