aggiornato il 29/09/2011 alle 21:54 da

San Michele chiude le feste di contrada

PUTIGNANO – San_Biagio_2011Giovedì 29 settembre la ricorrenza di San Michele ha chiuso le feste di contrada. Per molti putignanesi la data scrive la parola fine al periodo della villeggiatura e archivia definitivamente l’estate. Questo nulla ha tolto ai festeggiamenti che si sono svolti presso la chiesetta di San Biagio, dove il comitato di contrada, presieduto da Nicola Dipierro, ha organizzato una serata piacevole, con ampi momenti dedicati all’aspetto religioso e frizzanti attrattive gastronomiche e danzerecce. Dopo la Santa Messa celebrata dall’arciprete don Battista Romanazzi, la statua di San Michele Arcangelo ha sfilato in processione. Ad aprire il corteo la banda e i residenti di contrada che hanno fatto strada al Santo, con le fiaccole. Ancora l’arciprete, insieme ai volontari, ha guidato i canti religiosi della processione, mentre San Michele è stato portato in spalla dai residenti. A seguire le autorità cittadine e i fedeli. Tantissima la partecipazione popolare. Come ogni anno l’autodromo ha assunto le vesti di corso e l’andirivieni di gente, a piedi o in auto, è stato continuo. Preziosa, nell’edizione 2011 della festa, la collaborazione del Rotary Club Putignano che, su iniziativa del presidente Pietro Gonnella, accogliendo la richiesta del comitato residenti e dello stesso don Battista, rettore della chiesetta, ha restaurato due candelieri-grifo posti sulla facciata, sei fanali professionali, le candele dell’altare con trasformazione di funzionamento a cera liquida, leggio e reggi-messale, arredi della statua di San Michele. Ancora il Rotary ha commissionato l’acquisto di candele elettriche da apporre ai grifi restaurati ed il necessario impianto elettrico. Interventi che hanno dato maggiore lustro alla ricorrenza, proseguita con i fuochi pirotecnici. I presenti se li sono gustati sgranocchiando arachidi, nocelle, olive e castagne. Tanto altro era esposto nei numerosi stand gastronomici. Panini farciti con salumi o salsicce, frittelle, focaccia ripiena, hot dog, patatine e hamburger per incontrare i gusti di tutte le età. Per i più piccoli non sono mancate le bancarelle di giocattoli, insieme a quelle di accessori per il pubblico più adulto. Terminati i festeggiamenti religiosi è stata l’animazione di Antonella Messa a garantire coinvolgimento. Luminarie di contrada, palloni aerostatici e la chiesetta vestita a nuovo hanno fatto da cornice all’istantanea della festa.

© Riproduzione riservata 29 Settembre 2011

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento