aggiornato il 12/10/2011 alle 16:06 da

Carnevale, pronto il bando per i carri allegorici 2012

PUTIGNANO – carro_allegorico_2011Come anticipato dal Settimanale Fax in edicola sabato scorso, la Fondazione Carnevale, nonostante il suo consiglio di amministrazione regga su incarichi temporanei o in scadenza, lavora di buona lena all’edizione 2012 della kermesse. Prova ne è la pubblicazione del nuovo bando per la selezione dei bozzetti dei carri allegorici 2012. Riceviamo e pubblichiamo:

Come di consueto, la Fondazione Carnevale di Putignano pubblica il bando per la selezione dei bozzetti dei prossimi carri allegorici e il regolamento che ne ordinerà il concorso. E’ un appuntamento rituale che avvia ufficialmente il Carnevale più lungo e longevo d’Europa (data di nascita 1394): un atto che sancisce i termini della sfida che i cartapestai, a cominciare dall’ideazione delle opere, intraprenderanno per qualificare la loro sorprendente maestria. Fulcro della manifestazione, saranno loro, a selezione avvenuta, che animeranno la Fabbrica dei Giganti di Carta, per dare alla luce, il prossimo 5 febbraio, le stupefacenti macchine di Putignano. Una tradizione consolidata la cui fama non solo è ampiamente riconosciuta, ma assai ricercata, al punto che molte delle opere putignanesi, dopo il debutto in casa, diventano protagoniste indiscusse di tanti altri carnevali italiani. Un’opera che non si ferma a produrre carri, ma che ritroviamo fra i titoli di coda di prestigiose pellicole cinematografiche (di recente, tracce del lavoro dei maestri putignanesi sono riconoscibili nel film di Olmi) o in preziosi allestimenti teatrali e pubblicitari. E’ curioso leggere il regolamento che, fra le pieghe, rivela le coordinate di questa tradizione, in cui si misurano competenze che riguardano la capacità di mettere in cartapesta allegorie originali, ma anche la competenza tecnica necessaria per animarle; l’intuito nel misurarsi con temi che la cronaca potrebbe bruciare in un attimo, ma anche la ponderatezza nel riuso dei materiali, esempio ante litteram di riciclaggio ecologico. E all’ultima fiera del turismo di Rimini, lo scorso fine settimana (ma i nostri saranno anche a quella di Londra per dar forza alla destagionalizzazione, al grido “in Puglia anche d’inverno!”), il Carnevale di Putignano si presenta con un messaggio eloquente: “Quanto proponiamo da secoli è una festa, non è uno spettacolo in cerca di pubblico, né un effetto speciale a cui assistere attoniti. I nostri sono ingredienti di una ricetta semplice: acqua, colla, carta, le pietre bianche di un borgo, le toppe colorate di un vestito, una musica da strada, orsi impertinenti, corna, sottani e baffi con la gonna. Noi siamo veramente poco seri, l’inverno è freddo e si sa, il Carnevale scalda!” Insomma, a Putignano c’è energia a buon mercato. Da non dimenticare le Propaggini il 26 dicembre e le sfilate: 5, 12, 19 e 21 febbraio 2012.

E veniamo ai dati del nuovo bando. Il numero massimo di bozzetti da selezionare è di 7, pertanto la Fondazione invita “i Maestri Cartapestai a depositare presso la segreteria della stessa, in via Conversano 3/f a Putignano, le loro proposte, unitamente alla relativa domanda di partecipazione, in carta libera, entro e non oltre le ore 12.00 del 31 ottobre 2011”. Nel documento si legge: “La selezione dei bozzetti, anche in numero inferiore a quello definito come massimo, avverrà a giudizio insindacabile della Fondazione, che potrà avvalersi di una commissione tecnica esterna all’ente” e più avanti “Nel giudizio di merito sarà prioritaria la valutazione artistica e tecnica oltre che il curriculum del candidato”. Forniti dati circa le dimensioni “Per l’ammissione al concorso le dimensioni dei carri candidati non dovranno essere inferiori a metri 9 di altezza, metri 7 di larghezza e metri 7 di lunghezza e dovranno rispettare i limiti imposti dalle caratteristiche morfologiche del tradizionale percorso di sfilata, in modo che la stessa si realizzi senza intralci”. Chiara anche la parte dei costi. La Fondazione Carnevale di Putignano “destina un intervento finanziario a sostegno di non più di sette maestri cartapestai, scelti e ammessi al concorso secondo le coordinate riassunte dall’Avviso di Selezione dei Bozzetti di cui questo regolamento è parte integrante e definisce un fondo specifico di finanziamento per il 2012 pari a € 240.000,00 (duecentoquarantamila) ripartito in:

– una quota per il parziale rimborso delle spese sostenute nella realizzazione delle opere, pari complessivamente a 49.000€ (quarantanovemila);

– una quota per l’acquisto di una testimonianza (pupo) in cartapesta per ciascun partecipante, che riassuma, rappresenti o sia parte dell’opera in concorso, pari complessivamente a 14.000€ (quattordicimila);

– un Montepremi del Concorso di 174.000€ (centosettantaquattromila), la cui attribuzione, ripartita in massimo di 7 premi, è subordinata alla partecipazione dei carri concorrenti alle 4 sfilate invernali e all’eventuale quinta sfilata estiva (la cui data annunciata è l’8 luglio 2012, ndr);

– una quota di 3.000€ (tremila) destinata all’acquisto della miniatura rappresentante il carro vincitore, alla cui realizzazione costruttore è obbligato.

La disponibilità del fondo è subordinata alla delibera di erogazione della quota destinata alla Fondazione da parte del Comune di Putignano. Per l’edizione 2012 potranno essere ammessi al concorso massimo sette bozzetti e conseguentemente sette carri. In relazione al Monte Premi 2012, la ripartizione adottata è la seguente:

1° premio euro 25.200,00

2° premio euro 25.050,00

3° premio euro 24.950,00

4° premio euro 24.850,00

5° premio euro 24.750,00

6° premio euro 24.650,00

7° premio euro 24.550,00”.

La classifica sarà comunicata al termine della sfilata del “Martedì Grasso”, mentre la liquidazione delle quote, previa attribuzione della quota destinata alla Fondazione dal Comune di Putignano, avverrà con queste modalità:

–          somma pari al rimborso spese, acquisto pupo e quota parte del premio per un totale di euro 15.000,00(quindicimila euro) il 07 – 02 – 2012;

–          saldo al 31 – 05 – 2012.

È invece l’art 18 a chiarire modalità di classifica e giuria. “La classifica finale del concorso a premi 2012 sarà redatta da un’apposita Commissione di Giuria composta da un Presidente e due Consiglieri. Il Presidente è nominato dal C.d.A della Fondazione Carnevale di Putignano scelto all’interno di una terna condivisa con la maggioranza dei carristi in concorso, un Consigliere (ma non cartapestaio in attività) nominato dai carristi in concorso ed uno dalla Fondazione Carnevale di Putignano (ma non componente

del CdA). La classifica risulterà da una sommatoria ponderata fra due diverse classifiche rivenienti da:

a) Giuria Popolare, composta da n°50(cinquanta) giurati diversi per ognuna delle tre sfilate domenicali e scelti a caso tra gli spettatori non residenti in Putignano;

b) Giuria Tecnica, composta da n°5 (cinque) esperti scelti e nominati dalla Commissione di Giuria.

La Commissione di Giuria, da nominare entro il 10 gennaio 2012, redigerà un apposito regolamento per la Giuria Popolare e Giuria Tecnica e le relative modalità di voto che saranno comunicate e condivise entro il 27 gennaio 2012 dalla Fondazione Carnevale di Putignano e dalla maggioranza dei carristi in concorso”. Nella documentazione messa a disposizione della Fondazione c’è anche il tabellario delle sanzioni economiche cui i maestri cartapestai vanni incontro a seguito di inadempienze.

© Riproduzione riservata 12 Ottobre 2011