aggiornato il 18/11/2011 alle 16:03 da

Studenti in corteo: “non vogliamo essere i nuovi precari italiani”

PUTIGNANO – manifestazione_studenti_17_novembre_2011_3Giovedì 17 novembre, gli studenti di Alberghiero sede di Putignano e Castellana Grotte, Agherbino sede di Putignano e Noci, Liceo delle Scienze Umane di Noci si sono riuniti in corteo per le strade di Putignano. Questo per manifestare il disagio della  precaria condizione dell’istruzione nel nostro paese, motivazione comune alle 60 piazze italiane che si sono mobilitate per la giornata internazionale degli studenti. Dalle stime fatte dai carabinieri, a Putignano sono stati circa 350 i partecipanti. La protesta ha avuto inizio di fronte all’Alberghiero, dove i rappresentanti di istituto ci hanno spiegato :“Prima cosa, è una mobilitazione in ricordo delle vittime del ’39 e del ’73 (date che ricordano due repressioni di manifestazioni studentesche, la prima a Praga, la seconda ad Atene, ndr). Poi, l’unica maniera per fare giustizia e rivendicare i nostri diritti è scendere in piazza, con la speranza che questo governo ci dia ascolto”. A ciò si aggiunge “anche il problema della sede. L’Alberghiero da trent’anni aspetta una sede nuova che possa ospitare tutti”, ma c’è dell’altro. “Sono diminuite le ore di laboratorio che per una scuola professionale sono fondamentali. Ci sono molti disservizi nei trasporti, treni sporchi e affollati, biglietti costosi, pochi pullman. Non ci sono fondi per il personale Ata, ci tagliano le materie, le ore di pratica. Negli stage non siamo tutelati, dovremmo fare 8 ore e avere un tutor in azienda, lavoriamo di più, senza tutor e senza rimborso spese di viaggio. Lottiamo per il futuro, non vogliamo essere i nuovi precari italiani”. Frasi di dileggio verso i colleghi rimasti in classe, nel momento in cui il corteo è passato da via Diaz, sede del liceo classico, e via Turi, sede dello scientifico. A confermare la mancata adesione allo sciopero dei liceali è stato anche il dirigente del polo, preside Sgobba. La sicurezza del corteo è stata garantita dai vigili guidati dalla comandante Scalini e dai carabinieri con il comandante della compagnia di Gioia del Colle, ten. Di Benedetto.

 

© Riproduzione riservata 18 Novembre 2011

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento