aggiornato il 31/10/2012 alle 12:01 da

Palestra contesa, incontro-scontro in Comune

incontroassociazioniPUTIGNANO – Trovata una soluzione di compromesso per stemperare la tensione cresciuta fra le associazioni sportive Samurai e Uisp ‘80 e l’assessorato alla sport guidato da Giuseppe Genco. Ma nonostante ciò gli animi restano tesi e le posizioni ancora molto distanti.

La scorsa settimana in comune si è svolto un incontro a  tratti incandescente. Il sindaco ha prima sospeso la riunione, poi l’ha ripresa dopo aver allontanato i rappresentanti ritenuti “più bellicosi”.
Alla riunione hanno preso parte per il Comune il sindaco Gianvincenzo Angelini De Miccolis, l’assessore Genco ed il dirigente della I Ripartizione avv. Giuseppe Alemanno.  Il motivo del contendere era una fascia oraria lasciata libera dalla società New Time presso la palestra di via Cavalieri di Malta, il lunedì e il mercoledì per due ore totali alla settimana. Entrambe le società ne avevano richiesto l’utilizzo ma l’assessore, dopo aver dichiarato di volerla lasciare libera, l’aveva assegnata alla Uisp provocando le proteste feroci da parte della Samurai che si è sentita discriminata. “Ci siamo aggiornati alla prossima settimana – ci riferisce il sindaco all’indomani dell’incontro pacificatorio – per permettere all’ufficio di verificare se la società sportiva Unicorn intende utilizzare le due ore inserite nel tabellone, se non perverrà risposta entro un termine indicato potremo assegnarle alla Samurai alla quale in ogni caso è stata data la disputabilità di un’ora, prolungando la sua fascia oraria”. Il sindaco poi commenta quanto accaduto: “E’ una situazione antipatica, un rappresentante della Samurai ritenutosi offeso dal comportamento dell’amministrazione comunale ha compiuto attività ostruzionistica agli utilizzatori della palestra comunale. Il Comune non fa assegnazioni secondo la simpatia di un’associazione rispetto ad un’altra, – puntualizza – l’unico criterio oggettivo è quello del numero di atleti che ha ogni società e secondo questo criterio è stata fatta una scelta”. Prosegue De Miccolis: “E’ assolutamente impossibile saper gestire senza scontentare qualcuno, l’ente deve tutelare tutti e così facendo finisce per scontentare tutti, ma va bene così”. Il primo cittadino infine commenta quanto avvenuto nell’incontro di lunedì: “L’amministrazione comunale può commettere errori ma non è ammissibile che il singolo si arroghi il diritto di offendere i propri interlocutori, offese che sono state fatte alla presenza di numerosi testimoni sia alle persone fisiche sia ai ruoli istituzionali che rivestono. Ciò non è consentito a nessuno”. E spiega: “La prima parte dell’incontro è stata animata da notevoli interferenze e aggressioni verbali, quindi sono stato costretto ad interrompere la riunione e a riprenderla solo con i rappresentanti legali delle due associazioni”.
Abbiamo chiesto un commento circa quanto avvenuto anche a Domenico Mongelli, presidente dell’associazione Samurai che ci dice: “Ringrazio il sindaco e il dirigente I Ripartizione avv. Alemanno per aver trovato una soluzione però sono rimasto molto deluso dalla gestione dell’assessore allo sport Giuseppe Genco che con il suo modo di fare, specie in questo particolare periodo di crisi, allontana ulteriormente le associazioni e i cittadini dalla politica”.

© Riproduzione riservata 31 Ottobre 2012