aggiornato il 12/04/2013 alle 17:00 da

Sacchetto d’esportazione, Castellana vuole i pattugliamenti

rifiuti_in_via_castellana

PUTIGNANO – L’avvio del “porta a porta” a Putignano ha portato con sé i naturali problemi che un cambiamento epocale nelle abitudini dei cittadini produce. E alcuni di questi problemi hanno riguardato direttamente la città di Castellana Grotte. I più intraprendenti fra i putignanesi restii ad adeguarsi al nuovo servizio di igiene urbano, hanno inventato la pratica del “sacchetto d’esportazione”. Hanno caricato il sacchetto in macchina per poi buttarlo in un comune limitrofo. Castellana e Noci i più gettonati. Una pratica scelta, soprattutto, da quei putignanesi che ogni giorno sono fuori da Putignano per motivi di lavoro o altre esigenze personali. Per questo motivo, nei giorni scorsi, il sindaco di Castellana Grotte, Franco Tricase ha preso carta e penna e ha scritto alle forze dell’ordine del territorio, nello specifico ai comandanti dei corpi di Polizia Municipale di Castellana e Putignano, ai comandanti delle stazioni dei Carabinieri di Castellana e Putignano e al comandante della Polizia Stradale di Castellana. Scrive il sindaco Tricase: “A seguito di segnalazioni di spiacevoli episodi di conferimento improprio di rifiuti, prevalentemente effettuati di recente lungo la statale 237 “delle Grotte” che congiunge Castellana Grotte con Putignano e nei punti di confine tra i due Comuni, si chiede, per quanto di competenza, di pattugliare il territorio di riferimento onde evitare il verificarsi di vere e proprie discariche a cielo aperto con conseguente intasamento della strada stessa. Un controllo più intensivo della strada sarebbe utile soprattutto per ragioni di sicurezza pubblica, per scongiurare eventuali incidenti stradali”. Tricase ha inviato inoltre una seconda lettera direttamente al collega sindaco di Putignano, Gianvincenzo Angelini De Miccolis, aggiungendo, tra le altre cose: “è necessario mettere in atto tutte le possibili strategie per debellare il malcostume di ignoti che deturpano i nostri territori e costituiscono pericolo per la popolazione”.

 

© Riproduzione riservata 12 Aprile 2013