aggiornato il 22/06/2013 alle 9:59 da

Cambio al Carmine, si firma per trattenere don Antonio

don AntonioPUTIGNANO – Voci circolavano già da qualche settimana, ma l’ufficialità si è avuta solo ieri, al termine della celebrazione eucaristica a chiusura della Giornata di santificazione sacerdotale, a cui partecipano tutti i presbiteri, diaconi permanenti e religiosi della diocesi di Conversano-Monopoli: Mons. Padovano ha nominato nuovo Parroco di Maria SS. del Carmine il giovane don Mimmo Belvito, che succederà a don Antonio Di Lorenzo che guida la comunità da 25 anni, dal 10 settembre 1988. Il rincorrersi della notizia, in via ufficiosa, non ha mancato nel creare un po’ di scompiglio nella comunità parrocchiale già negli scorsi giorni: sabato scorso, al termine della Messa, infatti, qualcuno, esterno alle articolazioni parrocchiali, ha informato i fedeli di aver organizzato una raccolta firme per chiedere al Vescovo di far restare don Antonio in parrocchia, tra lo stupore e l’inquietudine dei presenti. «Il Vescovo vuole questo passaggio di consegne – commenta a Fax don Antonio – e io gli ho risposto che non sono il padrone della chiesa e delle anime: mi sono state affidate con fiducia e liberalità» ma è ancora incerta la data del “passaggio del testimone” a don Mimmo. E sull’iniziativa spontanea della raccolta firme: «Non avrà seguito – prosegue don Antonio – ma il Vescovo comprende queste forme di reazione: tra chi ha firmato e chi non l’ha fatto per me non c’è differenza, tutti sono parrocchiani». Il neo parroco don Mimmo Belvito, originario di Monopoli, ha 39 anni ed è stato ordinato sacerdote il 17 settembre 2005, negli ultimi tre anni ha svolto il suo ministero di educatore presso il Pontificio Seminario Regionale Pugliese “Pio XI” di Molfetta.

donmimmo

 

© Riproduzione riservata 22 Giugno 2013