aggiornato il 28/07/2012 alle 7:18 da

Sequestro, Nadir fa ricorso

PUTIGNANO – IMG_4983Lo staff legale del centro sportivo Nadir ha presentato ricorso al Tribunale della Libertà contro il provvedimento di sequestro preventivo della struttura avvenuto la scorsa settimana da parte della Procura di Bari. “Attendiamo di conoscere la data della fissazione della prima udienza, siamo fiduciosi di poter risolvere la questione”, ci spiegano gli avvocati. Parallelamente alle azioni legali per ottenere in tempi brevissimi il dissequestro ed il ritorno ai vecchi orari, si leva un coro di sostegno alla Nadir, da anni ormai sotto gli attacchi a “suon di denunce” continue per presunti rumori molesti da parte di cinque residenti.

I soci del centro, gli utenti ed i dipendenti stanno costituendo un comitato per far sentire la propria voce a favore della Nadir e in contrapposizione a chi vorrebbe invece la sua chiusura. A guidare il comitato è Andrea Campanella, socio ed utente del centro sportivo e benessere. “L’obiettivo del comitato è far capire alla cittadinanza i benefici che la struttura apporta alla città – ci dicono – e quali sarebbero invece i danni e gli inconvenienti ove fossero confermate e portate avanti le restrizioni di orari”. Anche i dipendenti si stanno organizzando per sostenere il centro e portare all’attenzione generale le eventuali ricadute occupazionali che ci sarebbero in caso di depotenziamento e addirittura chiusura di Nadir.

In attesa della decisione del Tribunale della Libertà, gli orari previsti per le attività sono i seguenti:

Piscina scoperta: 09.00 – 12.00 e 18.00-20.30 – Domenica: 09.00-12.00.

Attività Sportive: Nuoto- fitness – corsi collettivi – Acquagym – centro estetico e centro benessere) da lunedì a sabato: 10.00 – 13.00 e 16.30 – 20.30 – Domenica: 10.00 – 13.00.

© Riproduzione riservata 28 Luglio 2012