aggiornato il 18/10/2010 alle 10:13 da

Il “Majorana” incontra l’Europa

PUTIGNANO – majoranaL’anno scolastico per il nuovo istituto superiore “Majorana” è partito alla grande per quanto riguarda i rapporti  di scambio che questa scuola intrattiene con diverse scuole sparse nelle varie nazioni europee. Infatti, grazie ai finanziamenti Comenius del programma LLP, la scuola sta gestendo ben tre partnenariati multilaterali permettendo così ai suoi studenti di incontrare, conoscere, studiare realtà scolastiche diverse dalla nostra. Il primo gruppo di lavoro, coordinato dalla prof.ssa Spinelli della sezione scientifico, è partito dal 24 al 30 settembre alla volta di Moss, cittadina industriale a circa  cinquanta chilometri a sud di Oslo. I tre studenti e le due docenti accompagnatrici hanno contribuito, insieme alle scuole di Turchia, Polonia, Germania, Regno Unito,Norvegia e Bulgaria ad approfondire la tematica della produzione di sostanze OGM e a discutere circa la possibilità che le biotecnologie aiutino a sfamare il mondo in un futuro immediato. Naturalmente non sono mancati momenti di socializzazione come i pasti consumati tutti insieme alla mensa della Malakoff school, e quelli di conoscenza del territorio con visite ad aziende a produzione biologica, passeggiate in  brulli e gelidi parchi naturalistici  e shopping (impossibile visto i costi) ad Oslo dove tutte le delegazioni hanno anche visitato il Museo Vichingo. Prossime tappe di questo progetto sono la Polonia a fine novembre e la Cornovaglia a fine marzo. Questa esperienza si chiuderà proprio presso il Liceo “Majorana”,che ne è coordinatore, dal 3 all’8 maggio prossimi . Esso  ospiterà quindi tutte le delegazioni coinvolte permettendo ai propri studenti ulteriori esperienze di approfondimento linguistico e di arricchimento culturale. Sempre per la sezione Scientifica la prof.ssa Tonia Fanelli è invece in partenza con la collega Palazzo  e quattro studenti per il primo incontro organizzativo del nuovo Comenius approvato per gli anni 2010/12 “Differenze architettoniche: un ponte per l’educazione interculturale”. Questa tappa sarà a Revùca, piccola cittadina della Repubblica Slovacca dove presso il Liceo “ Prvé slovenské literárne gymnázium v Revúcej” i rappresentanti del “Majorana” incontreranno i loro partners spagnoli, greci, polacchi, tedeschi, turchi e slovacchi per preparare  il percorso di lavoro dei due anni successivi, scegliendo gli edifici ad uso abitativo, di lavoro e di culto che saranno analizzati da ciascuna nazione e presentati alle altre nelle tappe successive. Infine anche la sezione linguistica coordinata dalla prof. Nadine Nicolai chiuderà quest’anno il loro progetto relativo all’analisi di film insieme alle delegazioni di Spagna e Belgio . Dal 7 all’11 novembre gli studenti e i professori si recheranno a San Pedro de Alcantara vicino Malaga per una delle visite di progetto programmate. Il tutto si concluderà a maggio in Belgio. Nonostante la mole di lavoro che l’accorpamento dei due licei storici putignanesi sta comportando, la voglia di sentirsi parte di una realtà culturale ben più ampia quale l’Europa pervade il corpo docente lo spinge a far sì che gli studenti abbiano anche altri tipi di esperienze, per di più completamente finanziate dall’Europa,oltre allo studio serio ed approfondito delle discipline scolastiche.

© Riproduzione riservata 18 Ottobre 2010