aggiornato il 23/01/2011 alle 10:06 da

Lui, lei e il gorilla

PUTIGNANO – NesMichele-Iannone-Pierpaolo-Tateo-Gianni-Ciardo-Lonia-Netti-e-Gianluca-Mezzapesasuno potrebbe mai pensare che per risolvere i problemi di una coppia basterebbe avere in casa un gorilla. Eppure questo accade nella commedia “Ugo”, di Carla Vistarini, andata in scena al Teatro Margherita il 14 e il 15 gennaio, con la regia di Michele Iannone. Sul palco Pierpaolo Tateo nei panni di Alberto, ingegnere disoccupato e Lonia Netti, in quelli di Simona, donna energica, sicura di sé, che sola tiene in piedi la convivenza con il compagno. La commedia si iscrive subito in un genere grottesco e surreale, tanto più quando sulla scena interviene Ugo, un affettuoso gorilla di tre anni, che si presume sia il figlio di Alberto. Sotto la pelliccia del primate è Gianluca Mezzapesa ad animare il personaggio e l’armonia della pièce è assicurata. Sulla scena si alternano momenti di forte comicità, nei quali Ugo, pur restando muto per tutto il tempo, sembra saper comunicare più e meglio di Alberto e Simona. Ma il divertimento è uno scivolo che conduce in insenature intimiste, nelle quali, di tanto in tanto, il personaggio riflette sulla sua condizione. A divertire maggiormente è l’assurdità di alcune situazioni, fatte passare come normali. Pierpaolo Tateo merita i complimenti del pubblico. Gli ultimi lavori della sua compagnia, “Il Volto e la Maschera”, si avventurano con coraggio in un terreno che resta quello del teatro amatoriale, ma è caratterizzato da grande impegno e dignità. Lonia Netti fa suo il personaggio, la coppia funziona e gli applausi non mancano. Gianluca Mezzapesa si mette in gioco con generosità. Il resto lo fa la regia di Iannone. Sabato sera a teatro era presente Gianni Ciardo, che in passato ha rivestito nella stessa commedia i panni di Alberto. Anche l’attore barese si è detto molto divertito e forse questo è l’apprezzamento più significativo.

 

© Riproduzione riservata 23 Gennaio 2011