aggiornato il 29/11/2011 alle 15:13 da

Parole da bere con Claudio Santovito

PUTIGNANO – santovito_a_sepik_tagliatoClaudio Santovito, autore barese 28enne, ha presentato al centro culturale Sepik la sua opera prima: “Tempo da dimenticare”, edito da Sentieri Meridiani. L’evento, inserito nell’iniziativa “Parole da bere”, si è svolto sabato 26 novembre e, come di consueto, dopo la “chiacchierata letteraria”, il pubblico ha potuto gustare un aperitivo preparato dall’associazione SediMentAzione, ideatrice e organizzatrice degli incontri. Un modo informale e intimo per accendere un faro sulla cosiddetta editoria minore, ma anche occasione per condividere passioni, pensieri e progetti. Il libro di Santovito si qualifica come romanzo di formazione, all’interno del quale l’autore bilancia capitoli di taglio giovanilistico-sentimentale, a puntate dedicate al tema del doppio. È infatti doppio il registro linguistico utilizzato, ma anche il senso dell’intero romanzo che, con coinvolgimento crescente, si trasforma in giallo studentesco e metropolitano. Sottotitolo dell’opera è infatti “Giallo nella notte barese”. La vicenda si sviluppa tra Bari e Sammichele, non semplici sfondi, ma luoghi contrapposti e scrigno di due visioni della vita. Amore, amicizia, università, rapporti con la famiglia, senso del ricordo e confronto finale con un destino che sembra avere sempre la meglio. Assolutamente top secret lo scioglimento della vicenda, del resto l’ultima parola è al lettore. Parole da bere prosegue sabato 3 dicembre, alle 19,30 presso il centro culturale Sepik in via Mazzini 12 a Putignano, con “La mia vita accanto a Michele che non si sveglia mai”, di Antonia Guarini, Poiesis Editrice.

© Riproduzione riservata 29 Novembre 2011