aggiornato il 06/12/2011 alle 9:23 da

Frammenti d’est in mostra a Sepik

PUTIGNANO – frammenti_dest_gianni_pinto_francesca_sbiroli_domenico_maggipintoTorna l’esposizione “Frammenti d’est – Immagini, sguardi e parole dai Balcani”. Un percorso di parole e immagini a cura di Francesca Sbiroli e Mauro D’Aprile, allestito presso il Centro Culturale Sepik in via Mazzini 12 a Putignano.

Di seguito il programma:

– 11 dicembre ore 16.30 INCONTRO con Andrea Catone – Associazione Most za Beograd, esperto storia Balcani e Francesca Sbiroli – Ideatrice mostra, esperta in Cooperazione Internazionale, esperienza personale nei Balcani. Racconteranno inoltre la loro esperienza un uomo serbo che vive in Italia e altri nostri concittadini che hanno avuto esperienza diretta nei territori.

– 17 dicembre ore 21.00 READING DI POESIE “Versi dai Balcani” – Francesca Sbiroli e Gianni Pinto.

– Tutti i giorni da venerdì 2 dicembre a domenica 18 dicembre alle ore 16.30 INGRESSO LIBERO

 via Mazzini 12 CENTRO CULTURALE SEPIK, Putignano.

Mauro D’Aprile nato a Terlizzi, putignanese di adozione, lavora nel sociale come educatore. Si appassiona alla fotografia nel 2002, partecipa a workshop e mostre, sperimenta l’utilizzo del digitale con il software Photo Shop. Amante dei ciclo-viaggi con la Reflex compagna sempre presente.

Francesca Sbiroli, dopo aver lavorato più di dieci anni nella cooperazione internazionale a Napoli, in Burundi, Palestina, Romania, Ruanda, Bosnia Erzegovina e Serbia, ora vive a Putignano dove è nata. Lavora presso il GAL Sud Est Barese come Responsabile Cooperazione Interterritoriale e Transnazionale. Si appassiona alla fotografia durante le esperienze universitarie sperimentando personalmente  lo sviluppo analogico. Dopo aver trascorso un anno e mezzo nei Balcani, ritorna in viaggio con Mauro in quelle terre attraversando Albania, Macedonia, Serbia, Bosnia Erzegovina, Serbia e Montenegro. Nasce  così la raccolta fotografica e video. Le poesie che ascolterete accompagnate dalla chitarra di Gianni Pinto sono di poeti Serbi, Albanesi, Gitani e Bosniaci.

© Riproduzione riservata 06 Dicembre 2011