aggiornato il 22/07/2011 alle 8:10 da

Le osservazioni di Rifondazione sulla cittadella

PUTIGNANO – Studio_di_fattibilit_sulla_cittadella_del_carnevaleL’ultimo consiglio comunale fa ancora parlare di sé. Le otto ore di dibattito, svoltesi in sala consiliare lo scorso 30 giugno, non sono bastate a risolvere questioni rilevanti quali rigenerazione urbana e piano triennale delle opere pubbliche. In entrambi i capitoli rientra il progetto della Cittadella del Carnevale da realizzarsi in zona ex autodromo. Il progetto ha già ottenuto un finanziamento dall’area vasta di 1milione e 150mila euro ed ora è in corsa per il bando regionale che mette a disposizione della rigenerazione urbana 2milioni di euro. Le questioni sono correlate perché Putignano ha candidato a rigenerazione l’area antistante il cimitero, dove attualmente sorgono i capannoni del carnevale e che, da progetto, devono essere demoliti e ricostruiti nella futura cittadella.

Proponiamo in foto lo studio di fattibilità sulla cittadella del carnevale e di seguito un Comunicato pervenutoci dal Partito della Rifondazione Comunista, sezione “Margherita Pusterla” di Putignano, che avanza delle osservazioni sul progetto.

Comunicato

Il 30 giugno u.s., questa Amministrazione ha approvato il Piano delle Opere Pubbliche per il prossimo triennio, tra cui anche la Cittadella del Carnevale, croce e delizia di questa cittadina e delle varie Amministrazioni che si sono succedute.

Sempre sulla Cittadella del Carnevale, noi di Rifondazione Comunista riteniamo che vi sono degli aspetti logistici che non sono stati presi in considerazione nella stesura del progetto di massima, che rischia di tradursi in spreco di denaro pubblico e forse anche la morte definitiva della nostra manifestazione.

Ci riferiamo allo spostamento, nella zona ex-autodromo, degli hangar dei quali, tra l’altro, solo due finanziati per 1milione di euro dalla Regione Puglia.

Riteniamo logico porsi una semplice domanda: “Quale sarà il percorso che i carri faranno per raggiungere il circuito, sempre che rimanga quello cittadino?”

Risposta: nessuno, poiché i carri rimarranno negli hangar, vista l’impossibilità che possano raggiungere il percorso a causa di un piccolo problema, la linea di alta tensione che separa l’ex-autodromo dalla zona Putignano 2000 che va dal viale Colombo alla S.S.172 direzione Alberobello e che non permette il passaggio dei manufatti a causa della sua altezza dalla sede stradale rispetto alle mastodontiche dimensioni dei carri.

Dopo il “carnevale che fa acqua” avremo il “carnevale che fa fumo”?

Ribadiamo che non siamo contrari, come qualche giornalista ha cercato di far credere in passato, alla Cittadella del Carnevale, ma sicuramente siamo contro lo spreco del denaro pubblico per costruire il museo delle opere inutili. Magari con un percorso partecipato serio e con i giusti tempi si potrebbero evitare figuracce.

La Segreteria del

                                        Partito della Rifondazione Comunista – Federazione della Sinistra

© Riproduzione riservata 22 Luglio 2011