aggiornato il 24/10/2014 alle 14:51 da

Arrestata con la cocaina in borsa

carabinieri-arresto-primaTURI – L’avevano notata all’interno di un negozio. E, alla vista dei carabinieri della stazione di Turi, impegnati in un servizio antirapina, la donna ha mostrato evidenti segni di nervosismo. A quel punto i militari sono intervenuti, le hanno chiesto i documenti e gli atteggiamenti della donna sono diventati sempre più nervosi. Era in forte imbarazzo, molto preoccupata. E negava di essere la persona dei documenti. “E’ mia sorella” ripeteva ai militari all’interno del negozio, “non so come siano finiti nella mia borsa i suoi documenti”. Era evidente che mentiva. Anche perchè, da un veloce accertamento sul suo nome, veniva fuori che era stata già arrestata a fine luglio dagli agenti della guardia di finanza di Monopoli per possesso di un ingente quantitativo di cocaina ed eroina. Accompagnata in caserma per essere perquisita, ha continuato a negare le proprie generalità, in un’escalation di reazioni ai limiti dell’aggressione fisica nei confronti dei militari. In seguito alla perquisizione, però, le sono stati trovati addosso 2 grammi di cocaina purissima, dai quali sarebbe stato possibile confezionare circa 10 dosi, e numerosi ritagli di buste di plastica che sarebbero poi serviti per confezionare le dosi. La ragazza, una 25enne di origine barese ma residente a Turi da qualche tempo, è stata quindi arrestata per detenzione ai fini di spaccio di droga (anche se, probabilmente, si tratta di un corriere piuttosto che di una spacciatrice) e per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Si tratta del quarto arresto nell’arco di poco più di una settimana da parte dei carabinieri della locale stazione, sempre più impegnati in servizi antidroga sul territorio.

© Riproduzione riservata 24 Ottobre 2014

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento