aggiornato il 02/07/2010 alle 14:13 da

La banda e le marce pugliesi

TURI – Giovedì scorso, presso il sagrato della Chiesa Madre, si è tenuto il secondo appuntamento del progetto “Folklore e suoni pugliesi” volto a valorizzare la tradizione musicale pugliese e mediterranea attraverso la contaminazione dei suoni delle bande e della pizzica con la cultura balcanica e africana. Il concerto prevedeva l’esecuzione di una rassegna di marce di autori pugliesi eseguite dalla banda musicale cittadina “Maria SS. Ausiliatrice”. L’“Inno a Santa Cecilia”, protettrice dei musicisti, ha aperto la rassegna delle marce e l’esecuzione è stata impreziosita dalla voce solista del giovane sopranista turese Mariano Di Venere. A seguire è stata la volta della marcia sinfonica “Piervito” che è stata eseguita a Turi per la prima volta assoluta. La serata è proseguita con l’esecuzione di “Omaggio a Gino”, “Katia” e “Arianna” rispettivamente marcia sinfonica, marcia caratteristica e marcia brillante. Un omaggio a Nino Rota, con l’esecuzione di “Amarcord”, “Il padrino” e “Otto e mezzo”, ha chiuso la rassegna dando l’arrivederci al prossimo appuntamento del progetto “Folklore e suoni pugliesi” previsto per il 30 luglio prossimo in piazza Silvio Orlandi con lo spettacolo di danza e musica del Salento “Stella grande e anime bianche”.

© Riproduzione riservata 02 Luglio 2010