aggiornato il 12/11/2010 alle 9:58 da

L’opposizione esce allo scoperto

consiglio-comunaleTURI – L’opposizione esce allo scoperto e cerca di mandare a casa il sindaco Vincenzo Gigantelli con la proposta di una mozione di sfiducia. E’

questo l’argomento del giorno negli ambienti politici cittadini.

Alcuni membri della minoranza stanno alacremente lavorando a questa iniziativa. Ricordiamo che secondo l’art. 36 dello statuto comunale il sindaco e la giunta cessano dalla carica in caso di approvazione di una mozione di sfiducia votata per appello nominale dalla maggioranza assoluta dei componenti il consiglio (11 su 21). La mozione deve essere motivata e sottoscritta da almeno due quinti dei consiglieri.

Come si è giunti a questo tentativo di scacco al re? Secondo la minoranza lo spunto è stato fornito dalle intemperanze manifestate da alcuni consiglieri usciti dalla giunta in occasione dell’ultimo rimpasto. Stando alle ultime dichiarazioni questa azione non sortirà l’effetto sperato. Ci vorrebbero 11 voti per far cadere

l’amministrazione: i 9 della minoranza con l’aggiunta della De Florio e di Luisi. Che tengono così sotto scacco il sindaco.

© Riproduzione riservata 12 Novembre 2010